Come Budapest e Varsavia, Roma respinge la direttiva Ue anticorruzione. Bruxelles non affonda il colpo: è diritto degli Stati dire no. Però è uno stop all’integrazione. Il solito nodo dell’abuso d’ufficio, forse la premier resta dell’idea di abolirlo anziché rimodularlo

Articolo proveniente da Huffington Post Italia