• Dom. Ott 17th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

“Non posso occuparmi di partito e pandemia”, il premier giapponese Suga verso le dimissioni

Japan's Prime Minister Yoshihide Suga speaks during a news conference at the prime minister's office, amid the coronavirus disease (COVID-19) pandemic, in Tokyo, Japan August 25, 2021. Kazuhiro Nogi/Pool via REUTERS

Il premier giapponese Yoshihide Suga è pronto ad annunciare le sue dimissioni, e per questo motivo non cercherà la rielezione alla presidenza del partito liberaldemocratico, alla guida della coalizione di governo. Lo annuncia l’agenzia Kyodo, che cita fonti governative a conoscenza dei fatti. “Voglio concentrarmi sulla risposta al coronavirus, quindi ho detto alla riunione esecutiva dell’Ldp che ho deciso di non candidarmi nella corsa alla leadership del partito”, ha dichiarato Suga in conferenza stampa.

La decisione delle dimissioni di Suga, confermata da Toshihiro Nikai, segretario generale del partito Ldp, lascia il campo sgombro alla nomina di un nuovo leader all’interno del partito per la votazione del prossimo 29 settembre, capace di gestire il calendario che porterà alle elezioni di autunno con la fine della legislatura prevista entro il 21 ottobre, e lo scioglimento della Camera Bassa del Parlamento.

L’annuncio non è passato inosservato alla Borsa di Tokyo. I futures del Nikkei sono balzati del 2% subito dopo la notizia che Suga non si sarebbe candidato, mentre il più ampio indice Topix ha raggiunto i livelli più alti dal 1991, nell’auspicio che il nuovo premier vari un massiccio piano di stimoli all’economia.

Con un tasso di approvazione ai minimi storici, vicino al 32%, il capo dell’esecutivo è stato ampiamente criticato dall’opposizione e dall’opinione pubblica per la mancanza di leadership durante la pandemia, e la recente ascesa delle infezioni d a Covid, a fronte di un piano vaccinale considerato inadeguato in concomitanza con l’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo. In gran parte del Paese è in vigore uno stato di emergenza che riguarda la capitale e altre 21 prefetture dell’arcipelago, e con l’avvento della quinta ondata del virus le positività sono aumentate in modo esponenziale nelle ultime settimane, provocando serie criticità al sistema ospedaliero.

Figlio di un agricoltore e di una insegnante, e cresciuto nella regione a nord di Akita, il 72enne Suga era diventato primo ministro quasi per caso, appena un anno fa, dopo le dimissioni per motivi di salute del suo predecessore Shinzo Abe, per cui aveva servito come capo di Gabinetto.

 

Articolo proveniente da Huffington Post Italia