• Mar. Ott 26th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

“Aiuto ci sparano”, l’sos disperato di una ragazzina alla polizia: coppia arrestata tra le proteste

DiRed Viper News Manager

Ago 29, 2021

Gli agenti della Polizia di Stato a Roma hanno arrestato due persone per estorsione, ricettazione, detenzione abusiva di arma e accensioni ed esplosioni abusive. A far scattare l’intervento degli agenti è stata la telefonata di un’adolescente perché lei ed i genitori erano in pericolo “aiuto ci sparano”.

L’INTERVENTO DEGLI AGENTI – In pochi minuti gli agenti della Sezione Volanti, diretta da Massimo Improta, e del V Distretto Prenestino, diretto da Roberto Arneodo, sono giunti sul posto: mentre entravano nel portone del palazzo hanno visto un uomo ed una donna, quest’ultima con un neonato in braccio, che stavano uscendo. Insospettiti dal loro modo di fare, gli hanno chiesto i documenti ed hanno notato che i due erano piuttosto nervosi ed insofferenti.

PISTOLE, CARICATORI E CONTANTI – Interrogati sul motivo di questo atteggiamento, la coppia ha risposto che stava andando a portare il bambino al Pronto Soccorso perché non si sentiva bene ma poi l’uomo, A.G., 26enne romano, ha iniziato a dare in escandescenza cercando di sottrarsi al controllo spintonando gli agenti. A quel punto due poliziotte hanno perquisito D.R., 25enne romana, trovando dentro la sua borsa una pistola pronta all’uso, con altri 5 colpi all’interno, un secondo caricatore con 8 cartucce, il tutto occultato con la federa di un cuscino e 6.530 euro. Da successivi accertamenti la pistola è risultata rubata nel 2017. Perquisito dai poliziotti anche il ragazzo, nel suo borsello sono stati trovati 330 euro.

IL QUARTIERE CONTRO I POLIZIOTTI – Mentre gli agenti facevano salire sulle auto di servizio la coppia, sono scesi in strada una ventina di ragazzi che hanno cercato di impedire l’operazione: chiamato ausilio via radio, sono tempestivamente arrivate altre tre volanti e così, mentre due pattuglie sono andate negli uffici di polizia per gli atti di rito, altre sono rimaste sul posto per accertare cosa fosse accaduto. Gli agenti hanno visto un foro di proiettile sul portoncino d’ingresso della palazzina e diverse tracce di sangue che portavano ad un’abitazione del piano terra: suonato il campanello della casa, ad aprire la porta è stato un uomo con una ferita d’arma da taglio sul pollice della mano destra, a suo dire procurato da un coltello da cucina mentre tagliava il pane.

L’articolo “Aiuto ci sparano”, l’sos disperato di una ragazzina alla polizia: coppia arrestata tra le proteste proviene da Il Riformista.