• Dom. Ott 17th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Capo di un’Europa veramente unita: questo si merita Mario Draghi

ROME, ITALY - MAY 31: Italian Prime Minister Mario Draghi holds a joint press conference with the Prime Minister of Libya Abdul Hamid Mohammed Dabaiba or Dbeibeh (not in picture) after a meeting at Palazzo Chigi, on May 31, 2021 in Rome, Italy. The prime ministers are said to have several issues related to cooperation between the two countries, including immigration, transitional justice and debts. (Photo by Antonio Masiello/Getty Images)

Ci rendiamo conto che mai, nella storia d’Italia, abbiamo avuto un leader di così grande prestigio mondiale?
Da due settimane Mario Draghi, dopo il disastro Afghanistan, si è attivato per organizzare a Roma un vertice dei G20, i Paesi che rappresentano l′80% del pil mondiale e il 60% degli abitanti. Sembra logico che giganti come Cina, Russia, India, Brasile, Sudafrica o Arabia Saudita vengano coinvolti per trovare una strategia comune verso talebani e Isis.
Draghi non si è montato la testa: spetta a lui ‘convocare’ il mondo intero, perché quest’anno la presidenza a rotazione dei G20 tocca all’Italia; e perché comunque il vertice dei capi di stato è già previsto per il 30 ottobre. Si tratta soltanto di anticiparlo di un mese, a settembre. Ma egualmente il turbinio di telefonate e incontri in cui si è lanciato il nostro premier risulterebbe velleitario, se egli non godesse di un prestigio planetario pressoché unanime. Forse l’unico che gli serba rancore è il turco Erdogan, da lui definito “dittatore”.

Il suo principale estimatore è Biden: quando gli hanno chiesto cosa gli avrebbe detto durante il loro primo incontro, ha risposto: “A Draghi non si parla, a Draghi si chiede consiglio e lo si ascolta”. Il presidente Usa conosce bene superMario, perché i suoi otto anni da vice di Obama hanno coinciso con quelli di Draghi al vertice della Banca centrale europea. Anche Boris Johnson si è lanciato nell’usuale complimento durante il G7 di Giugno in Cornovaglia: “A Draghi è bastata una frase per salvare l’euro”.
Insomma, Draghi ha le carte in regola per dare le carte a tutti i potenti della Terra. Ci riuscirà?

Le prime difficoltà sono emerse durante l’incontro a Roma con il ministro degli esteri russo Lavrov, che gli ha chiesto di allargare il G20 a Iran e Pakistan, vicini dell’Afghanistan. Idea sensata, ma anche un trappolone: come ottenere il sì dei sauditi, nemici giurati degli iraniani, e degli indiani, che detestano i pakistani?
Draghi ha subito telefonato al premier indiano Modi. La soluzione potrebbe essere includere Teheran e Islamabad nel vertice G20 come ‘invitati’: lo status di cui gode in permanenza la Spagna. Ma questi sono dettagli tecnici. Così come la presenza fisica a Roma di tutti i leader (chi volesse snobbare il vertice accamperà la scusa del virus per collegarsi solo in video) e l’accavallamento con l’abituale settimana settembrina a New York per l’Assemblea generale Onu.
Ecco, l’Onu. Spetterebbe al Palazzo di vetro l’iniziativa per affrontare il nodo Afghanistan. Ma purtroppo è da vent’anni che risulta desaparecido: dai tempi del deplorevole discorso di Powell sulle inesistenti armi chimiche in Iraq.

Quindi, in uscita la Merkel e in bilico Macron prima del voto francese, per colmare il vuoto di potere non resta che Draghi. Usa e Regno Unito, umiliati a Kabul, riluttano a parlare troppo presto di talebani e Isis in un consesso dove risulterebbero minoritari e senza il diritto di veto di cui godono all’Onu. Ma li conforta il filoatlantismo d’acciaio di superMario. E comunque anche nel G20 vige la regola del consenso. Se ce la farà, insomma, e se dal suo vertice romano uscirà una soluzione convincente, Draghi verrà incoronato “Grande saggio” mondiale. A pensarci bene, era da secoli (azzardiamo: da Giulio Cesare? Da Marco Aurelio?) che un italiano non dominava la scena planetaria come lui. Altro che Cavour o Garibaldi. Mussolini era un illuso a Monaco nel 1938, così come Berlusconi a Pratica di Mare nel 2002.

Per questo ogni ipotesi sul suo futuro risulta inadeguata. Premier o capo dello Stato? Entrambi, approviamo subito una legge apposita. Segretario generale Onu? Peccato, il mediocre Guterres è stato appena rieletto per altri cinque anni. Poco male: superMario lì risulterebbe imbalsamato. Presidente della Commissione Ue al posto della Von der Leyen alla sua scadenza nel 2024? Solo se la carica venisse accorpata a quella di presidente del Consiglio Ue.
Capo di un’Europa veramente unita: questo meriterebbe Draghi.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia