• Ven. Ott 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Spari contro C-130 italiano decollato da Kabul, nessun danno (anche grazie alla pilota)

epaselect epa09426414 A military plane takes off from Hamid Karzai International Airport in Kabul, Afghanistan, 23 August 2021. An Afghan policeman was killed on 23 August, in a gun battle between security forces and unknown attackers at the North Gate of the Kabul airport, the German military said, amid ongoing chaos at the airport as thousands try to flee Taliban rule. EPA/STRINGER

Spari contro un C130J dell’Aeronautica militare italiana che era appena decollato da Kabul con a bordo altri evacuati afghani. Nessuna conseguenza per equipaggio e passeggeri. A quanto apprende l’AGI, il fuoco è stato aperto quando il velivolo aveva già staccato le ruote dalla pista dell’Hamid Karzai Airport, con i motori alla massima potenza per consentirne il decollo.

Il pilota, un ufficiale donna dell’Aeronautica italiana, è stata rapida oltre che mantenere sangue freddo – si apprende ancora – nell’effettuare una manovra di emergenza che ha messo in sicurezza il C130J in volo, allontanandolo dalla traiettoria dei proiettili, probabilmente di mitragliatrice pesante posizionata all’esterno dello scalo aereo o su un’altura vicina.

Il C130J ha quindi proseguito sulla rotta prevista che l’ha portato alla base aerea di Al Salem, in Kuwait, da dove poi le persone a bordo proseguiranno per l’Italia con KC767. In tutti questi giorni di evacuazione con ponte aereo italiano o di altre nazioni dall’Afghanistan è il primo episodio del genere di cui si ha notizia. A testimonianza di una tensione sempre più marcata nell’area dello scalo.

 

Secondo quanto riferito dalla giornalista di Skytg24 Simona Vasta, che era a bordo, “ci sono stati attimi di panico”. L’aereo, ha detto, è stato fatto segno di “colpi di mitragliatrice pesante, pochi minuti dopo il decollo” e “la pilota ha attuato manovre diversive”. L’aereo era stipato, con molte persone sistemate a terra per cercare di portare via più gente possibile, quindi tutto è avvenuto “in condizioni complicate”, ha aggiunto la giornalista. “Ci sono stati attimi di panico soprattutto tra i civili afgani: all’inizio abbiamo pensato a vuoti d’aria poi abbiamo saputo dell’attacco”.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia