• Ven. Ott 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

“Morti vicino a me, il canale è diventato color sangue”: la testimonianza da Kabul

“Ci sono molti morti vicino a me e il canale è diventato color sangue”. Lo racconta una ragazza afgana all’aeroporto di Kabul che ha contattato la ong Cospe di Firenze e che, spiega l’organizzazione, “avrebbe dovuto entrare con il nostro gruppo e che purtroppo è rimasta fuori dal gate durante l’esplosione suicida”. La folla, viene spiegato ancora, rimane assiepata per metà del tempo nel canale che separa la strada dall’ingresso vero e proprio all’aeroporto, il “dirty river” di cui viene scritto in molti messaggi che rimbalzano dalla capitale afgana.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia