• Ven. Ott 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

La debacle afghana ci insegna che l’Occidente da solo non può salvare il mondo

DiRed Viper News Manager

Ago 24, 2021

La debacle afghana deve essere un’occasione per gli Stati Uniti e i suoi alleati di una pausa di riflessione e di praticare una virtù che di solito esula dai loro atteggiamenti: la modestia. L’Occidente deve capire che da solo non può salvare il mondo. Washington non è più il Praeceptor Mundi. Londra, Parigi o Berlino non lo sono certo. Non puoi imporre i valori della tua civiltà che si sono costruiti attraverso tante contraddizioni, contributi interni ed esterni, lotte civili, religiose e guerre, alle altre civiltà: si deve fare uno sforzo per riconoscere i valori delle altre civiltà e su come le differenze costruiscono un comune e plurale sentire.

Se l’Occidente interviene, deve pensare attentamente a dove utilizzare e quali risorse. Soprattutto, dovrebbe agire solo per una causa in cui crede veramente e che vale il sacrificio. Altrimenti scapperà di nuovo. Ovunque dovrebbe misurare con attenzione l’opportunità di azioni militari e valutare strade alternative e in particolare quelle nascono dai popoli. Ero contrario all’intervento militare in Afghanistan. Avrei preferito un intervento civile e cooperativo basato sulla partecipazione degli afghani. Certo che bisognava difendersi dalla violenza armata dei talebani, ma resto convinto che bisognava cercare strade alternative. Detto questo non voglio unirmi a coloro che dicono che si è perso con il ritiro delle truppe.

Ora bisogna che venga elaborata una strategia di intervento in quella regione che non tenda solo a ragionare sui punti di forza, ma su come quelli che sono stati considerati punti di debolezza possano aiutare a capovolgere la logica della violenza e a dare vita a un ordine basato sul rispetto e la convivenza delle differenze. La presenza militare con tutti i suoi limiti ha ancora una volta insegnato che dal male e dagli errori può inavvertitamente sorgere qualche cosa di bene che oggi vediamo emergere nella nuova consapevolezza delle donne afghane che, ne sono certo, i talebani non riusciranno a soffocare e che sarà la fonte dove nascerà qualche cosa di nuovo e di imprevedibile.

Vanno pertanto pensate azioni di cooperazione popolare ad iniziare dall’accoglienza dei profughi che possono diventare la base della rinascita civile di quel martoriato Paese, come i fuoriusciti italiani del tempo fascista lo sono stati per noi.

L’articolo La debacle afghana ci insegna che l’Occidente da solo non può salvare il mondo proviene da Il Riformista.