• Dom. Ott 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Telefonata e poi incontro fra Salvini e Draghi a P.Chigi, “su Afghanistan e riforme”

Salvini/Draghi

“Draghi l’ho sentito oggi, abbiamo parlato di Afghanistan, di salute e di lavoro. Il pericolo terrorismo islamico rischia di entrarci in casa. Noi stiamo lavorando perché non sia l’autunno caldo di cui si parla, quindi blocco delle cartelle esattoriali, riforma della giustizia e poi il 31 dicembre scade Quota 100, è impensabile tornare o riavvicinarci alla legge Fornero”. È la tarda mattinata quando il leader della Lega, Matteo Salvini, incontra i giornalisti a margine della visita a un quartiere di Roma e rivela il suo colloquio con il capo del Governo. Precisa di non aver mai parlato del caso Claudio Durigon con il presidente del Consiglio, “non credo che abbia tra le sue priorità i parchi di Latina”. 

Poco prima un nuovo affondo contro la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, contro cui Giorgia Meloni sta valutando di presentare una mozione di sfiducia: “Rave party con morti e feriti che durano giorni, orde di baby gang che terrorizzano da tempo la riviera romagnola e non solo, dopo navi francesi e tedesche, oggi una nave con bandiera norvegese lascerà 322 immigrati in Italia. Lamorgese, dove sei?” aveva detto il leader della Lega. 

Poi attorno alle 13, Matteo Salvini viene localizzato a Palazzo Chigi, a colloquio con Mario Draghi. Una riunione di cui non si conosce la genesi, né sembra fosse prevista. Al termine il punto stampa del segretario leghista inizialmente previsto è stato cancellato. Salvini, fa sapere la Lega, è in viaggio per Città di Castello. Fa sapere sempre la Lega che Salvini ha espresso “grande preoccupazione per la crisi in Afghanistan anche per le potenziali ricadute sul nostro Paese”, i due hanno affrontato anche “i temi legati alla ripresa dell’attività di Governo”, con il leghista che ha spinto su “giustizia, taglio della burocrazia e taglio delle tasse”.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia