• Dom. Ott 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Martedì G7 straordinario su Afghanistan, “urgente collaborare tutti”

Britain's Prime Minister Boris Johnson takes part in a press conference on the final day of the G7 summit in Carbis Bay, Cornwall on June 13, 2021. (Photo by Ben STANSALL / various sources / AFP) (Photo by BEN STANSALL/AFP via Getty Images)

La riunione virtuale dei leader del G7 sull’Afghanistan si terrà martedì. Lo ha annunciato il premier britannico Boris Johnson. “Martedì convocherò i leader del G7 per colloqui urgenti sulla situazione in Afghanistan. È fondamentale che la comunità internazionale collabori per garantire evacuazioni sicure, prevenire una crisi umanitaria e sostenere il popolo afghano per preservare i risultati degli ultimi 20 anni”, ha scritto Johnson su Twitter.

Parallelamente procede il lavorio diplomatico per un G20 straordinario sull’Afghanistan. A promuovere l’iniziativa è la presidenza italiana, anche perché nella formula a 20 sono presenti Russia, Cina e Turchia, Paesi chiave nella crisi afghana.  

L’Afghanistan affronterà una “catastrofe assoluta” con fame diffusa, persone senza casa e collasso economico a meno che non venga concordato un urgente sforzo umanitario sulla scia del ritiro dal Paese degli Stati Uniti. A lanciare l’allarme ai leader mondiali è Mary-Ellen McGroarty, direttrice nazionale per l’Afghanistan del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, dichiarando al britannico Observer che un’azione rapida e coordinata è fondamentale. “Altrimenti, una situazione già orrenda diventerà solo una catastrofe assoluta, un completo disastro umanitario”, ha detto.   “Dobbiamo portare rifornimenti nel Paese, non solo in termini di cibo, ma anche di forniture mediche, di rifugi. Abbiamo bisogno di soldi e ne abbiamo bisogno ora”, ha proseguito McGroarty. “Se tarderemo per le prossime sei o sette settimane, inizierà a diventare troppo tardi. La gente non ha niente. Dobbiamo portare il cibo adesso e portarlo alle comunità delle province, prima che le strade siano bloccate dalla neve”, ha spiegato la funzionaria Onu parlando da Kabul.
McGroarty ha ricordato che un afghano su tre era già in crisi di fame, con oltre due milioni di bambini a rischio di malnutrizione. La siccità aveva già portato a una riduzione del 40% della produzione di grano, mentre la valuta afghana stava già crollando. E i tassi di Covid sono alti. “Come hanno osservato tutti in tutto il mondo, c’è stata l’escalation del conflitto negli ultimi due mesi: oltre 500.000 persone sfollate, 250.000 delle quali da maggio”, e “ciò che è urgente ora è una qualche forma di cessate il fuoco che consenta un massiccio aumento della risposta umanitaria. L’imperativo umanitario non può andare perduto”.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia