• Mar. Ott 26th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Il paradosso del GreenPass: se ce l’hai mangi dentro e cedi il posto all’aperto ai non vaccinati

OSTUNI, ITALY - AUGUST 12: General view of people wearing protective masks sitting in the dehor of a restaurant in Piazza Beato Giovanni Paolo II in the Ostuni nightlife on August 12, 2020 in Ostuni, Italy. Tourism in the Puglia Region was very active in the summer on the beaches, towns and clubs of the city center, despite the danger of Covid 19, Italians and tourists in general respected the Covid-19 prevention measures. (Photo by Stefano Guidi/Getty Images)

Il paradosso del Green Pass: più libertà di circolazione, ma quasi una punizione per chi ce l’ha e vorrebbe mangiare all’aperto. Perché? Semplice: i ristoratori per non perdere coperti relegano i possessori della certificazione vaccinale nei posti dentro al locale, lasciando liberi quelli fuori per chi il vaccino non ce l’ha (e per questo non è autorizzato a mangiare al chiuso). 

E’ questa la denuncia che molti utenti stanno facendo sui social, lamentando una ‘discriminazione’ che fa storcere loro il naso. Scrivono in molti: “Ti vaccini, compi il tuo dovere etico e ti ritrovi a cedere il passo a chi questa responsabilità non ce l’ha”. Dal canto loro, i ristoratori si giustificano così: “Mettetevi nei nostri panni: se facciamo accomodare all’aperto un cliente con il pass rischiamo di perdere l’incasso dei coperti al chiuso”.

Un cortocircuito che sembra stia prendendo sempre più piede costringendo molti clienti con Green Pass, anche stranieri, a rinunciare al piacere delle cene estive all’aperto per permettere ai non vaccinati di consumare il loro pasto. Probabilmente con il finire della bella stagione, questo ‘privilegio’ per loro finirà, perché con l’appressarsi del freddo i pasti si consumeranno prevalentemente al chiuso. Ma nel mentre la stagione estiva pare essere stata in molti casi appannaggio di chi il Green Pass ( e quindi il vaccino) non ce l’ha.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia