• Ven. Ott 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

La Cina ricomincia da tre (figli)

FUYANG, ANHUI, CHINA - 2021/05/31: Children seen during their class activities at a central kindergarten of lvzhai Town.
The Political Bureau of the Communist Party of China (CPC)'s Central Committee held a meeting on today and decided to implement the policy that a couple can have three children. This is conducive to improving China's population structure and is also an important measure to cope with the aging population so as to maintain China's population advantage. (Photo by Sheldon Cooper/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

La Cina ha approvato gli emendamenti di modifica alla legge sulla Popolazione e la pianificazione familiare per consentire alle coppie di poter avere fino a tre figli, ultima mossa contro il calo delle nascite e l’invecchiamento della popolazione.

Il via libera è maturato durante i lavori del Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo, il ramo legislativo del Parlamento cinese, cominciati martedì e conclusisi oggi. Lo Stato, secondo le nuove disposizioni rilanciate dall’agenzia Xinhua, “promuove il matrimonio e il parto all’età giusta, l’assistenza prenatale e postnatale”, mentre ogni “coppia può avere tre figli”. Inoltre, vengono adottate misure di sostegno per le famiglie di carattere finanziario, fiscale, assicurativo, educativo, abitativo, occupazionale e di altro tipo.

La Cina aveva interrotto la pluridecennale politica del figlio unico alla fine del 2015, dopo diversi allentamenti, permettendo a tutte le coppie di avere due figli, per contrastare l’invecchiamento della popolazione. La svolta non aveva, però, contrastato la bassa natalità, e a maggio scorso, i vertici del Partito Comunista Cinese avevano elaborato la politica dei tre figli dopo la crisi demografica emersa dai dati dell’ultimo censimento nazionale.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia