• Mer. Ott 27th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Coronavirus, continua la salita di ricoveri e terapie intensive: 7mila i casi e 55 i morti

DiRed Viper News Manager

Ago 19, 2021

I principali indicatori e dati presenti nell’ultimo bollettino diffuso dal Ministero della Salute sull’andamento dell’epidemia di Coronavirus nel Paese, ad eccezione della tenuta del sistema sanitario nazionale, sono stabili.

Nelle ultime 24 ore sono infatti sono 7.260 i nuovi casi di coronavirus, numero sostanzialmente stabili in confronto ai 7.162 di mercoledì. I casi totali, compresi guariti e decessi, sale così a 4.464.005.

Dall’inizio del monitoraggio sono invece 128.634 le vittime della Covid-19, di cui 55 nelle ultime 24 ore, in calo rispetto ai 69 di ieri. Le persone guarite o dimesse da febbraio 2020 sono 4.204.869, mentre gli italiani attualmente positivi sono 130.502, pari a 1.720 in più.

Il tasso di positività è in risalita al 3,5% (ieri 3,2%), mentre i tamponi processati, molecolari e antigenici) sono stati 206.531, quasi 20mila in meno rispetto a ieri.

Sono 460 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, 18 in più di ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 40 (ieri erano 50). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.627, rispetto a ieri sono 68 in più.

A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Sicilia (1.377), la Toscana (844), la Campania (647) e la Lombardia (627).

ITALIA ANCORA TUTTA BIANCA? – Secondo quanto appreso da Lapresse, ma la certezza si avrà solo domani, tutta Italia dovrebbe restare in zona bianca, Sicilia compresa. I dati di epidemia e ospedalizzazioni sono in corso di aggiornamento e lavorazione, ma i numeri rivelerebbero valori stabili su terapie intensive e ospedalizzazioni anche in Sicilia, che rimane la Regione più a rischio.

L’articolo Coronavirus, continua la salita di ricoveri e terapie intensive: 7mila i casi e 55 i morti proviene da Il Riformista.