• Dom. Ott 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Afghanistan, l’appello di ‘Se non ora quando’: “Ora non si facciano accordi in cui i diritti delle donne diventino merce di scambio”

A social worker address the Afghan women gathered at a hall in Kabul on August 2, 2021 against the claimed human rights violations on women by the Taliban regime in Afghanistan. (Photo by SAJJAD HUSSAIN / AFP) (Photo by SAJJAD HUSSAIN/AFP via Getty Images)

Un appello al governo e ai parlamentari italiani ed europei affinché tutelino i diritti delle donne, in particolare quelle afghane dopo la riconquista del potere da parte dei talebani è stato fatto dal coordinamento dei comitati di ‘Se non ora quando’.
Nel documento si chiede una presa di posizione da parte del governo italiano e dell’Europa su una serie di punti: “che non vengano fatti accordi in cui i diritti delle donne diventino merce di scambio; la sospensione dei rimpatri forzati in paesi dove non sono garantite le libertà democratiche; l’apertura di canali umanitari per accogliere e dare protezione alle persone che non sentono garantita la loro sicurezza in Afghanistan”.
“Come donne italiane che hanno a cuore e si battono per i diritti delle donne, siamo estremamente preoccupate per la minaccia che l’offensiva dei talebani, ampiamente prevedibile con il ritiro delle truppe americane e della Nato dall’Afghanistan, rappresenta per i diritti democratici della popolazione afghana ed in particolare i diritti delle donne afghane all’autodeterminazione”, aggiunge il coordinamento in una nota.
“Riteniamo che l’arretramento dei diritti delle donne afghane, – aggiunge – si collochi in un contesto più ampio di rischio di arretramento dei diritti di tutte le donne e della comunità LGBTI come possiamo vedere nella stessa Europa in paesi come la Polonia e l’Ungheria, dove nel nome della protezione dei valori della famiglia tradizionale patriarcale vengono compressi i diritti delle singole persone e dove sotto il pretesto del rispetto della diversità culturale, vengono accettate tacitamente regole lesive dell’autodeterminazione degli individui, in particolare delle donne”.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia