• Ven. Ott 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Chi è Salmo, il rapper del concerto senza distanze e mascherine a Olbia

DiRed Viper News Manager

Ago 15, 2021

È polemica per il concerto di Salmo al Molo Brin di Olbia. Un live a sorpresa, annunciato nei giorni scorsi, per sostenere la Sardegna martoriata dagli incendi. “La zona di Oristano è stata devastata dalle fiamme e ci sono famiglie in difficoltà, pastori che hanno perso il bestiame e non possono lavorare – aveva detto su Instagram l’artista – Hanno bisogno di una mano. Organizziamo un live completamente gratuito e una raccolta fondi su internet per aiutare queste persone. Non so quando potremmo fare il live e se ce lo permetteranno, ma noi lo faremo ugualmente”. Il luogo e l’orario del live sarebbero stati resi noti ufficialmente solo poco prima dell’inizio: le immagini dei fan, a migliaia, senza mascherina e senza distanziamenti, hanno fatto il giro del web e scatenato indignazione e rabbia.

Salmo è il nome d’arte di Maurizio Pisciottu. È nato nel 1984 a Olbia. Da anni vive e lavora a Milano con la sua crew, il collettivo Machete, una sorta di Factory animata da rappers, trappers, produttori, grafici e videomakers. Veniva dal metal, dal punk e dall’hardcore – ha militato in gruppi come Skasico, Three Pigs, To ed Gein – e si è preso in pochissimo tempo la scena del rap italiano. La sua musica riporta tutto il sostrato della sua carriera: contaminazione, evoluzione, miscela di generi.

Il primo disco solista, nel 2011, The Island Chainshaw Massacre. L’anno dopo l’arrivo a Milano e l’unione con l’etichetta indipendente Tanta Roba, fondata da Guè Pequeno e Dj Harsh. Death USB, secondo album, è arrivato primo su iTunes nella settimana del Festival di Sanremo.

Del 2013 è il suo terzo disco, Midnite, in una settimana primo tra gli album più venduti, disco d’oro. Nel Midnite live session Tour ha messo insieme i suoi musicisti – basso, chitarra, batteria e Dj – per live incendiari nelle maggiori città italiane. È a questo punto che ha salutato Tanta Roba per la fondazione di Machete Empire e della società di booking e management Lebonksi agency. Hellvisback, album del 2016, è stato la sua conferma e ha allargato ulteriormente la sua platea. Ottimi riscontri di pubblico e critica, Disco di Platino. Ulteriore successo confermato con Playlist del 2018. L’anno dopo è stato rapper e produttore per Machete Mixtape 4, progetto di 18 tracce. È stato anche attore per il cortometraggio Nuraghes S’Arena di Mauro Aragoni, ambientato in Sardegna e ispirato alla Civiltà Nuragica, su un torneo sanguinoso e riti sciamanici.

Le critiche

Prima di esibirsi Salmo ha letto una lettera: “Caro signor Stato, vorrei ricordarle che quasi tutti i settori in Italia sono ripartiti. L’unico a essere stato dimenticato è quello dello spettacolo. Ci hanno detto di fare i live con poche persone, tutti distanziati e seduti. Signor Stato, noi non ci vogliamo stare seduti, noi vogliamo alzarci, saltare, quindi la musica la cultura e l’arte in Italia sono importanti tanto quanto lo sport, ma nel resto del mondo fanno concerti con 100mila persone e qua no. Sono tutti vaccinati, mi dirai tu, e c’hai ragione”. Il rapper ha anche lanciato un appello a vaccinarsi: “Ma come facciamo a far capire che l’unico modo per tornare alla normalità è vaccinarsi?”

Le immagini del concerto hanno scatenato le critiche e la rabbia di altri artisti che hanno messo l’accento su tutto un settore che per ripartire sta rispettando le regole. “Sfruttare la nostra condizione di privilegio, aggirare le regole per soddisfare capricci personali. Questo non aiuta nessuno. Avete sputato in faccia a migliaia di onesti lavoratori dello spettacolo che quest’anno cercano di tirare avanti con immensi sacrifici rispettando le regole per andare alla pari con i conti (quando va bene)”, ha detto Fedez. “Se la tua serata aveva l’intento di una raccolta fondi (giustamente per la tua regione) e per dare voce al nostro settore, ci tengo a dirti che qualcosa è andato DAVVERO storto… Nel rispetto di tante persone credo sia opportuna una tua spiegazione. Grazie”, l’osservazione di Alessandra Amoroso.

Critiche alle quali Salmo ha replicato: “Ieri sera non c’è stata nessuna raccolta fondi, ho messo i soldi di tasca mia per aiutare la Sardegna. Ad agosto il centro di Olbia è sempre affollato, esattamente come le spiagge. Gli assembramenti creati dalla finale degli Europei andavano bene, il mio concerto gratuito no. Ora avete una persona con cui prendervela. Non definitevi artisti se poi non avete le p… di infrangere le regole – ha scritto il rapper e produttore – Potevo andare a farmi la vacanza come Fedez invece sono sceso per strada e ho detto la mia. Se avessi voluto seguire le regole non avrei fatto l’artista!”.

L’articolo Chi è Salmo, il rapper del concerto senza distanze e mascherine a Olbia proviene da Il Riformista.