• Sab. Ott 23rd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Talebani alle porte di Kabul. Guerini: “Riflettere su questo epilogo”

Continua l’avanzata verso Kabul dei Talebani, che hanno raggiunto il distretto di Char Asyab, a soli 11 chilometri a sud della capitale afghana. Lo ha riferito la legislatrice provinciale Hoda Ahmadi, citata da Al Jazeera, secondo cui il gruppo armato ha catturato una provincia a sud della città, Logar, e ha arrestato i suoi funzionari provinciali.
Gli insorti hanno anche attaccato la città settentrionale di Mazar-e-Sharif da diverse direzioni, scatenando pesanti combattimenti alla periferia, ha riferito Munir Ahmad Farhad, portavoce del governatore provinciale.

L’amministrazione Biden, intanto, si sta preparando alla caduta di Kabul e al ritiro di ogni presenza diplomatica in Afghanistan. Lo scrive il sito Axios, secondo cui si tratta di uno “straordinario capovolgimento delle previsioni”. Agli alti consiglieri di Joe Biden sembra sempre più probabile che gli Stati Uniti non manterranno una presenza diplomatica duratura in Afghanistan oltre il 31 agosto, la data entro la quale il presidente Usa ha promesso di completare il ritiro delle truppe.

Mentre da Roma arriva la notizia che è stata varata una procedura per consentire agli afghani che hanno collaborato con la nostra missione di lasciare più in fretta il Paese, il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, sentito dal Gr1 dice: “Io credo che dovremmo certamente riflettere su questo epilogo, lo dovremmo fare come Italia, dopo 20 anni di impegno, dopo 53 nostri militari caduti, dopo oltre 700 feriti. Ma credo che lo dovremmo fare anche come Nato in relazione agli obiettivi che ci si era posti all’inizio”. 

Il titolare della Difesa ha poi aggiunto: “Chiaramente l’emozione di questi giorni è molto forte in tutti noi la decisione americana di chiudere dopo 20 anni il proprio impegno in Afghanistan è stata sicuramente determinante per le scelte che si sono rese necessarie per tutti i paesi che lì erano presenti”.

E ancora: “L’intervento in Afghanistan è stato innanzitutto l’applicazione, la prima nella storia dell’alleanza, dell’articolo 5 del trattato e dopo il terribile attentato delle Torri Gemelle – dice – Certamente l’obiettivo della sconfitta di una temibile centrale terroristica è stato raggiunto, Osama Bin Laden è stato eliminato, il vertice di Al Qaeda pure e l’Afghanistan in questi 20 anni non è più stato e non dovrà tornare a essere, questo è il primo impegno credo la comunità internazionale dovrà presidiare, un luogo sicuro per i terroristi”.

 

Articolo proveniente da Huffington Post Italia