• Dom. Ott 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Scuola, accordo sul Protocollo sicurezza tra sindacati e ministro Bianchi

Trovato l’accordo sul Protocollo sicurezza delle scuole in vista dell’avvio del nuovo anno. La bozza dell’intesa trovata al termine di un confronto fiume le organizzazioni sindacali e i tecnici del Ministero dell’Istruzione riguarda i tamponi gratuiti per il corpo docente, la corsia preferenziale per i vaccini del personale scolastico e le misure per evitare le classi pollaio.
Solo Anief non ha sottoscritto l’accordo, confermando il ricorso collettivo gratuito al Tribunale di Roma per impugnarlo insieme al Decreto legge n. 106 per contrasto al Regolamento comunitario n. 953/21, dopo aver raccolto centomila firme in sei giorni per la sua abolizione. La bozza di Protocollo si sicurezza che circola in queste ore, come si legge sul sito Tuttoscuola.com, prevede corsie preferenziali per la vaccinazione del personale scolastico attraverso degli accessi prioritari. Inoltre prevede un supporto concreto per le modalità di verifica dei Green pass del personale scolastico e sugli aspetti applicativi della normativa. Il nodo Green pass sarà comunque contenuto in una nota specifica che l’Amministrazione invierà alle istituzioni scolastiche nel prossimi giorni. Sui tamponi gratis raggiunta mediazione che non privilegia il personale scolastico che nn si vuole vaccinarem ma si faranno in accordo con le Asl. Saranno gratis, per esempio, per i fragili, per chi è incinta e se la scuola decide di fare degli screening tra gli studenti. Ma non saranno mirati a “tutelare” chi non si vuole vaccinare e andare a scuola lo stesso facendo continui tamponi.

“La Flc Cgil ha sottoscritto il Protocollo per la sicurezza nella scuola. Come Flc Cgil siamo convinti che la massima copertura vaccinale sia una misura di sicurezza fondamentale, ma per garantire la scuola in presenza a settembre servono risorse, spazi, interventi sull’organico e misure straordinarie per garantire il distanziamento e la sicurezza di studenti e personale”. Francesco Sinopoli, segretario generale Flc Cgil, nella notte a conclusione della complessa trattativa con il ministero dell’Istruzione per la stesura del Protocollo di sicurezza. “Abbiamo posto con chiarezza al ministero – aggiunge – le condizioni perché l’anno scolastico possa avviarsi in condizioni adeguate alla complessa situazione epidemiologica che ancora vive il paese. Abbiamo ottenuto dal governo l’impegno formale a confermare e potenziare le misure già previste per garantire la sicurezza, a partire dall’attivazione immediatamente un piano sperimentale di intervento sulle istituzioni scolastiche che presentino classi particolarmente numerose mediante lo stanziamento di apposite risorse per sdoppiare le classi e garantire il distanziamento. Ci aspettiamo di poter contare sul personale aggiuntivo senza costringere le scuole a formare le classi numerose che erano state sdoppiate l’anno scorso”.

“A fronte di una contagiosità elevatissima soprattutto per gli studenti non vaccinati e per i soggetti fragili – sottolinea Sinopoli -, sono indispensabili tutte le misure previste nelle scuole lo scorso anno. Abbiamo avuto come obiettivo primario del Protocollo la soluzione dei problemi della Scuola in presenza per l’a.s.2021/22, ma non abbiamo perso di vista l’obiettivo di chiedere al governo un intervento più organico da realizzare con le risorse del Pnrr per il miglioramento dei parametri per la formazione delle classi. Si è ottenuta l’apertura di un tavolo specifico entro agosto per ampliare tutele fragili e la gratuità dei tamponi per il personale. Nell’incontro sul Protocollo abbiamo ottenuto un impegno a calendarizzare il confronto con le Organizzazioni sindacali sul Green pass che produrrà importanti problemi di gestione che ricadranno sulle istituzioni scolastiche, come ad esempio la nomina dei supplenti temporanei”. “La sottoscrizione da parte dei sindacati scuola del protocollo – conclude Sinopoli – rappresenta lo strumento affinché le regole sulla sicurezza siano condivise dai lavoratori e gestite anche nelle singole scuole con il supporto di Rsu e Rls”.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia