• Ven. Set 17th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Perché in Indonesia stanno morendo 100 bambini a settimana per Covid: molti hanno meno di 5 anni

DiRed Viper News Manager

Lug 27, 2021

L’Indonesia è stata travolta da un’ondata di Covid senza precedenti che sta colpendo soprattutto i bambini sotto i 5 anni. Ogni settimana muoiono circa 100 bambini, un numero drammatico che secondo il New York Times è il tasso di mortalità infantile più alto del pianeta. E che mette in discussione una delle poche convinzioni che ha messo d’accordo la comunità scientifica fin ora, cioè che i bambini sono meno esposti al virus.

Il boom del contagio anche tra i più piccoli coincide con la diffusione della Variante Delta in quei paesi del SudEst asiatico come Thailandia, Malesia, Myanmar e Vietnam, dove i tassi di vaccinazione sono bassi e i Paesi molto popolati. L’Indonesia è il quarto Paese con più abitanti al mondo e a luglio ha superato India e Brasile per numero di contagi quotidiani, diventando il nuovo epicentro della pandemia: secondo i dati diffusi dal governo, soltanto venerdì si sono avuti quasi 50 mila nuovi casi e 1.566 vittime.

Il contagio massiccio dei bambini non sarebbe da attribuire a una variante diversa da quelle già in circolazione in tutto il mondo ma alla situazione epidemica del paese. Come spesso avviene in questi paesi molto popolosi ma generalmente più poveri c’è difficoltà ad avere dati certi e quindi a poterli confrontare. La quantità di bambini contagiati è maggiore rispetto a prima? Questo non è dato saperlo con certezza. A questo si aggiunge che i casi potrebbero essere ancora di più ma i tamponi sono molto limitati.

Certo è che la Variante Delta è più contagiosa per cui in generale aumenta il numero di persone che lo contrae. In un contesto in cui la situazione igienico sanitaria non è delle migliori e in cui anche le condizioni di salute dei bambini sono precarie e le corsie degli ospedali piene, è più facile che il virus possa colpire anche i più piccoli.

Stando ai rapporti diffusi dalla società di pediatria, oggi i bambini rappresentano il 12,5 per cento dei contagi confermati, in notevole aumento rispetto ai mesi precedenti. Nella settimana del 12 luglio sono stati 150 i bambini che sono morti per Covid e metà di loro aveva meno di 5 anni.

Secondo gli esperti sanitari interpellati dal Times, molte delle vittime avevano condizioni di salute pregresse, come malnutrizione, obesità o diabete, che rendono i bambini più vulnerabili. Un altro fattore è rappresentato dal basso tasso di vaccinazione del Paese: soltanto il 16 per cento degli indonesiani ha ricevuto una dose di vaccino e appena il 6 per cento è stato completamente vaccinato. L’Indonesia, come molti Paesi, non vaccina poi i bambini di età inferiore ai 12 anni e ha cominciato solo recentemente con la fascia 12-18.

A questa criticità si aggiunge che gli ospedali sono pieni e non tutti sono in grado di gestire emergenze che riguardano i più piccoli. “Se i bambini si ammalano non abbiamo dove portarli”, ha detto Aman Bhakti Pulungan, capo della società pediatrica indonesiana. “I pronto soccorso sono ingolfati dagli adulti, che devono aspettare giorni per essere curati”. Per questo molti adulti vengono mandati a casa, in isolamento, dove aumentano però le possibilità di contagiare i bambini.

A peggiorare ulteriormente la situazione sono le tradizioni locali. “Ci sono molti neonati che vengono dimessi con un test negativo, ma che puoi contraggono il Covid attraverso le visite di parenti e vicini di casa, e muoiono”, ha spiegato Edhie Rahmat, direttore esecutivo per l’Indonesia della no profit Project Hope. “È straziante”. Tutto, secondo il dottor Aman, dipende però dagli adulti: vanno educati a rispettare i protocolli sanitari, già questo sarebbe un ottimo inizio per proteggere i più piccoli.

“Finora i bambini sono stati le vittime nascoste di questa epidemia, ma non è più così”, ha affermato Yasir Arafat, consigliere sanitario per l’Asia di Save the Children. “Ci sono Paesi come l’Indonesia che stanno registrando numeri record di bambini uccisi dal virus, ma al tempo stesso vediamo un aumento allarmante di bambini che non ricevono vaccinazioni e servizi nutritivi di routine, che sono fondamentali per la loro sopravvivenza. Questo dovrebbe far suonare un campanello d’allarme”.

Secondo Al Jazeera, sono circa 800 mila i bambini che lo scorso anno hanno saltato vaccinazioni di routine come poliomelite, orecchioni ed epatite B a causa della pandemia, che ha ostacolato i normali servizi sanitari: si tratta di un aumento del 40 per cento rispetto all’anno precedente. Intanto in Indonesia vengono messe in campo misure restrittive per cercare di contenere una situazione che per molti non è stata presa seriamente dal governo sin da subito come avrebbe dovuto fare.

L’articolo Perché in Indonesia stanno morendo 100 bambini a settimana per Covid: molti hanno meno di 5 anni proviene da Il Riformista.