• Dom. Ott 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Canone Rai, addio alla tassa in bolletta: Draghi cancella la riforma Renzi dopo le critiche dall’Europa

DiRed Viper News Manager

Lug 27, 2021

Sul canone Rai il governo Draghi decide di smantellare uno dei provvedimenti presi dall’esecutivo guidato dall’allora premier Matteo Renzi: la tassa per mantenere la tv pubblica infatti non sarà più pagata direttamente dalla bolletta elettrica, con un esborso per famiglia di 9 euro al mese per 10 mensilità e un costo complessivo dunque di 90 euro.

Una scelta di fatto obbligata per dare seguito alle richieste arrivate dall’Unione Europea di eliminare gli “oneri impropri” dai costi dell’energia, come appunto il canone.

La soluzione arriverà nel Pnrr legato al Recovery Fund, ovvero ai fondi europei che arriveranno al Paese per finanziare le riforme necessarie per far ripartire l’economia dopo la crisi legata alla pandemia Covid. Il provvedimento che cancellerà il canone in bolletta sarà inserito nel disegno di legge legato alla concorrenza, scrive oggi Il Messaggero: testo che dovrebbe andare in Consiglio dei ministri giovedì.

Una mossa che però rischia di far tornare l’Italia ai periodi in cui l’evasione del canone Rai era praticamente endemica. Proprio per questo nel 2015 il governo Renzi prese la decisione di legare la tassa per la tv pubblica alla bolletta: una scelta che aveva permesso anche di far diminuire il costo per le famiglie del canone, passato dai 113 euro di allora ai 90 attuali.

Quell’addebito in bolletta è stato però fortemente criticato dalle istituzioni europee, fino alla scelta del presidente del Consiglio Mario Draghi di rispondere cancellando la riforma Renzi. L’impegno formalizzato con il disegno di legge avrà effetti comunque a partire dalla fine del prossimo anno.

L’articolo Canone Rai, addio alla tassa in bolletta: Draghi cancella la riforma Renzi dopo le critiche dall’Europa proviene da Il Riformista.