• Mer. Set 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

La 23enne che ha ricevuto 6 dosi di vaccino per sbaglio: “Non mi danno il Green Pass”

-

Sei dosi di vaccino Pfizer somministrate per sbaglio e niente Green Pass. È la storia di Virginia Grilli, la studentessa in Psicologia clinica di 23 anni che il 9 maggio, presso l’ospedale Noa di Massa, è stata vittima dell’errore da parte dell’équipe vaccinatrice. Oggi la giovane si racconta al Corriere della Sera e, nonostante i malesseri e i continui controlli a cui deve sottoporsi, rivela:  

“Non sarò mai una no vax… Anzi, faccio un appello ai miei coetanei: vaccinatevi, mettete le mascherine e niente assembramenti”.

Virginia, che non ha presentato denuncia penale contro medico e infermiera che l’hanno vacinata (“si può sbagliare. Mi riservo di chiedere i danni morali e materiali all’ospedale”, dice), spera che la sua esperienza “serva a non far accadere mai più errori” del genere. Sulle sue attuali condizioni, la 23enne racconta:

“Sto attraversando un periodo di malessere fisico e psicologico… Potrei avere un’alterazione del sistema immunitario… Mi avevano detto che l’overdose di vaccino avrebbe annullato il vaccino stesso e dunque non avrei avuto gli anticorpi. E invece ora valori che superano di 60 volte la soglia della normale vaccinazione con due dosi”.

 A chi le chiede se tali valori potrebbero costituire uno scudo contro il Covid, risponde:

“Nessuno lo sa, non esiste letteratura. E non riesco a ottenere il green pass […] Nessuno si prende la responsabilità di rilasciarmelo essendo io un caso unico. Se non lo avrò farò causa a Regione Toscana e ministero della Salute. Senza la certificazione a settembre non posso frequentare l’università”.

 

 

Articolo proveniente da Huffington Post Italia