• Mer. Set 22nd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

“Sono il figlio di Antonio, vuoi della frutta?”, così funziona l’ultima truffa agli anziani: 7 napoletani arrestati

DiRed Viper News Manager

Lug 23, 2021

Sono stati tutti arrestati per furto e truffa aggravata dopo aver pensato e messo in pratica un piano spregevole: compravano a un prezzo simbolico frutta e verdura ormai in scadenza o già avariata ai mercati generali di Torino, quindi fingevano di regalarla ad anziani malcapitati, derubandoli.

A finire in manette sono stati sette napoletani tra i 27 e i 49 anni, arrestati nell’ambito di una inchiesta condotta dai carabinieri di Villanova, in provincia di Asti. Il ‘commando’ è accusato di aver messo a segno almeno 52 truffe di questo tipo in Piemonte, ma non si esclude che in realtà il giro possa essere più largo.

Come spiegato dai carabinieri che hanno condotto l’indagine, il modus operandi era sempre molto simile: “Sono il figlio di Antonio, non mi hai riconosciuto? Ho della frutta nel furgone, ne vuoi un po’?”, così i sette ‘agganciavano’ le loro vittime, che si sono sentiti rivolgere questa frase fuori da supermercati, ospedali, Asl, per poi essere raggirati, derubati e truffati dalla banda.

La banda, dotata di furgoncini, offriva in regalo cassette di frutta e verdura avariata: la vittima veniva colta di sorpresa nell’intento di sdebitarsi con qualche banconota e veniva quindi derubata con la scusa di ‘dare il resto’. Una situazione in cui il gruppo sfruttava anche la confusione delle anziane vittime, anche convinti di conoscere realmente il sedicente ‘figlio di Antonio’.

I carabinieri dei Comandi provinciali di Asti, Torino, Napoli e Verona, che hanno collaborato all’indagine nell’esecuzione degli arresti, hanno condotto in carcere cinque dei componenti della banda, mentre altri due sono finiti agli arresti domiciliari ad Afragola (Napoli).

L’articolo “Sono il figlio di Antonio, vuoi della frutta?”, così funziona l’ultima truffa agli anziani: 7 napoletani arrestati proviene da Il Riformista.