• Gio. Set 23rd, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Coronavirus, schizzano Rt e incidenza dei casi ma nessun allarme negli ospedali

DiRed Viper News Manager

Lug 23, 2021

Sale ancora l’indice di contagio Rt nazionale che supera la soglia di 1, sfiorato la settimana scorsa, e impenna. Impenna fino all’1,26. Questo vuol dire che una persona contagiata ormai ne contagia più di un’altra. La scorsa settimana Rt era salito fino allo 0,91. Il dato è contenuto nella bozza di monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e ministero della salute sull’andamento dei contagi. Il documento, ora all’esame della cabina di regia, sarà presentato come sempre oggi pomeriggio.

A preoccupare è la recrudescenza della pandemia provocata dalla variante Delta, secondo lo stesso Iss più trasmissibile fino al 60% rispetto alla variante dominante Alfa. Delta per l’Ecdc europeo è destinata a diventare dominante entro fine agosto in Europa. E infatti la curva dei contagi sta salendo in Italia come successo già all’estero, in Europa e in tutto il mondo, a causa della variante. Sono triplicati i casi negli Stati Uniti a causa di Delta. Il bollettino ieri ha registrato 5.057 nuovi casi e 15 decessi su 219.778 tamponi tra molecolari e antigenici. Il tasso di positività è salito al 2,3%. L’incidenza dei casi continua ancora a salire su base settimanale fino a 41 casi per 100mila abitanti dai 19 casi della settimana scorsa.

Sono 19 le Regioni e Province autonome classificate a rischio moderato e due (Basilicata e Valle D’Aosta) a rischio basso secondo questa settimana. Nessuna Regione e Provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile al 2%, con un lieve aumento nel numero di persone ricoverate che passa da 157 (13/07/2021) a 165 (20/07/2021). Il tasso in aree mediche a livello nazionale rimane al 2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve aumento: da 1.128 (13/07/2021) a 1.194 (20/07/2021).

Il Consiglio dei ministri intanto ha approvato il decreto che dal 6 agosto impone l’obbligo del Green Pass per l’accesso in bar e ristoranti al chiuso. La certificazione sarà valida anche con una sola somministrazione e sarà valida e servirà anche per accedere a grandi eventi, cinema, palestre e stadi. Confermata invece la chiusura delle discoteche, i cui gestori dovrebbero percepire degli indennizzi. Nessuna decisione su scuole e trasporti. Annunciati ieri anche i nuovi parametri di rischio per le Regioni: la soglia per passare in Zona Gialla è fissata al 10% delle terapie intensive occupare e al 15% dei reparti ordinari. Lo Stato di Emergenza è stato prorogato fino al 31 dicembre.

“L’invito a non vaccinarsi è un invito a morire”, ha detto in conferenza stampa il Presidente del Consiglio Mario Draghi. Il New England Journal of Medecine ha pubblicato dati che provano come due dosi di vaccino Pfizer o AstraZeneca proteggono anche dalla variante Delta, mentre è lieve la diminuzione di efficacia rispetto ad altre varianti. I sieri anti-covid restano quindi altamente efficaci sulle forme più gravi della malattia e quindi contro le ospedalizzazioni. Non basta tuttavia a convincere il popolo NO-Vax che giù ieri sera è sceso in Piazza Castello a Torino per manifestare contro l’estensione d’uso del Green Pass. I Centers for Disease Control and Prevention americani già la settimana scorsa avevano definito questa nuova ondata come una “pandemia dei non vaccinati”.

L’articolo Coronavirus, schizzano Rt e incidenza dei casi ma nessun allarme negli ospedali proviene da Il Riformista.