• Dom. Set 19th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Renzi firma referendum su giustizia di Salvini: “Non penso a lui, ma a Tortora”

NAPLES, ITALY - JULY 12: Matteo Renzi leader of Italia Viva party during the presentation of his book

Mercoledì 21 luglio alle 11.30 a Milano Matteo Renzi firmerà i referendum sulla giustizia. “Quando penso al referendum sulla giustizia, non penso a Salvini ma a Enzo Tortora” ha detto il leader di Italia viva, Matteo Renzi alla presentazione del suo libro “Controcorrente” a Castenedolo, in provincia di Brescia.

″È una guerra che dura da 30 anni, quella tra magistratura e politica, da Tangentopoli a oggi – ha aggiunto Renzi – C’è una contrapposizione che arriva all’estremo con Bonafede, un dj più che un ministro. Ecco, va detto che non mi faccio tantissimi nuovi amici con questo libro, se mi querelano rinuncio all’immunità. Da boy-scout di provincia mi hanno fatto diventare un gangster internazionale. Tra le varie vicende quella che più mi fa arrabbiare è quella di Open: è lo stesso procuratore che ha arrestato i miei genitori, portato a processo mio cognato, indagato me, manca la mia nonna che ha 101 anni. Di fronte a questo andazzo della giustizia, domattina vado e firmo i referendum sulla giustizia”.

Ieri Matteo Salvini non aveva escluso il sostegno al referendum che Matteo Renzi ha annunciato di voler convocare contro il reddito di cittadinanza. “Sicuramente il reddito di cittadinanza va rivisto. Così com’è non funziona. Me l’hanno detto tutti gli imprenditori che sto incontrando in tutta Italia: da Jesolo alla Calabria alla Valtellina a Roma non si trova personale per gli alberghi, i ristoranti, per le spiagge. È uno strumento che non crea lavoro, ma al massimo crea lavoro nero” ha detto il leader della Lega, spiegando che per quest’anno però è troppo tardi: “Noi siamo qua a firmare dei referendum veri, per cui raccoglieremo le firme entro settembre, per cui si voterà nella primavera prossima. Il tempo per proporre degli altri referendum adesso è scaduto per cui se ne riparlerà l’anno prossimo”.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia