• Dom. Set 19th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

La firma per il referendum? Un atto d’amore per la giustizia

DiRed Viper News Manager

Lug 20, 2021

La giustizia penale, al pari di quella civile, ha urgente bisogno di riforme: una necessità ribadita anche ieri, a Napoli, nel corso della conferenza stampa durante la quale un nutrito gruppo di esponenti politici, docenti universitari, avvocati e rappresentanti dell’associazionismo hanno dato il via a una raccolta di firme a sostegno del  referendum sulla giustizia promosso dai Radicali.

La durata eccessiva dei processi è una vergogna che penalizza i cittadini ed è stata più volte condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo. Basti pensare che, a Napoli, nel 2019 il giudizio penale d’appello è durato in media 2.031 giorni. Occorre assolutamente porvi rimedio con un’ampia depenalizzazione, digitalizzando le procedure, fissando delle priorità, facendo rientrare in ruolo la pletora di magistrati distaccati e assumendone altri. Poi c’è lo scandalo della politicizzazione e dell’uso politico della giustizia. Le rivelazioni di Luca Palamara e tutto ciò che è emerso e quotidianamente emerge hanno evidenziato una situazione non più sostenibile. Sul tema ha colpito il silenzio del Partito democratico, delle principali testate e di molti talk show. Collusioni, connivenze, complicità? Sì. Il “Sistema” ha reagito col catenaccio del silenzio e se non ci fossero stati Piero Sansonetti, Alessandro Sallusti, Nicola Porro e pochi altri, tutto sarebbe passato in cavalleria. La riforma Cartabia, frutto del negoziato con Giuseppe Conte e Alfondo Bonafede, è un primo passo importante, ma insufficiente.

Per curare la cancrena servono riforme radicali. Che tuttavia l’attuale quadro politico non consente di realizzare per via parlamentare. Negli ultimi trent’anni la magistratura è diventata una corporazione. Da “ordine”, come è definita dalla Costituzione, è diventata un “potere” pregiudizialmente in conflitto con gli altri poteri indicati nella Carta. Una distorsione che ha alterato l’equilibrio della Costituzione e alla quale ha fatto seguito la degenerazione del correntismo, ossia la politicizzazione della magistratura attraverso le “correnti”, che ha determinato una sorta di “partitocrazia giudiziaria”, la lottizzazione correntizia delle decisioni e il controllo assoluto del Csm dal quale dipendono nomine, carriere e sanzioni. Un potere assoluto delle correnti su tutto il corpo giudiziario. Un potere che dispone di alleanze politiche e mediatiche, in un rapporto melmoso in cui la trattativa tra “correnti” e i partiti di riferimento avviene su nomine, leggi, indagini “a orologeria” e/o strumentali ma anche su “cacce ostinate”, “distrazioni”, omissioni e vere e proprie persecuzioni.

Esagero? Basta leggere l’intervista di Sallusti a Palamara (che di questo sistema è stato il dominus) per capire che c’è molto di più. Perché nomine carriere e sanzioni sono un deterrente anche nei confronti del versante giudicante che scrive le sentenze e che, sebbene molto più numeroso e determinante ai fini di giustizia, è sotto ordinato rispetto al potere correntizio. A questo punto, con un Pd già giustizialista di suo e oggi succube di Marco Travaglio e Piercamillo Davigo che dettano la linea al Movimento 5 Stelle, è difficile che si possa attuare una riforma della giustizia degna di questo nome per via parlamentare. Di qui la necessità di attivare i referendum. E di farne l’occasione per una grande mobilitazione democratica e riformista. Non contro i giudici ma, al contrario, in difesa del loro ruolo fondamentale della loro autonomia e indipendenza oggi compromessi da intese di potere e collusioni con la politica.

I quesiti referendari sono sei e tutti hanno un rilievo assoluto. Si va dalla responsabilità civile dei magistrati (che un referendum di oltre trent’anni fa introdusse e il Parlamento dell’epoca, sbagliando, edulcorò annullandola) alla separazione delle carriere tra magistrati requirenti e giudicanti per garantire la terzietà del giudice e un giusto processo, senza dimenticare la custodia cautelare, spessissimo comminata in modo anomalo e illegittimo, e l’abolizione della legge Severino, la riforma del Csm e la riammissione dei componenti laici nella valutazione professionale dei magistrati. Se con il decreto Cartabia si interrompe la violazione sistemica dello Stato di diritto, con i referendum si potrà imprimere una svolta radicale per una giustizia giusta e il rientro nella legalità costituzionale.

L’articolo La firma per il referendum? Un atto d’amore per la giustizia proviene da Il Riformista.