• Ven. Set 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Che cos’è il Plf, il Passenger Locator Form da compilare per entrare e viaggiare in Grecia e Ue

DiRed Viper News Manager

Lug 19, 2021

Alcuni turisti, viaggiatori, in partenza per la Grecia sono rimasti bloccati in aeroporto. Erano muniti di Green Pass – che certifica la vaccinazione, la guarigione recente dal covid-19 o un tampone negativo – ma non del modulo Plf. L’acronimo sta per Passenger Locator Form. La Grecia, indipendentemente dal Paese di provenienza o dalla Certificazione Verde, pretende che venga compilato con anticipo. Si tratta di un modulo di localizzazione digitale che serve alle autorità sanitarie per raccogliere le informazioni e tracciare rapidamente nel caso in di contagi o di contatti con positivi al covid-19. Un documento per agevolare il tracciamento insomma. Non è un documento soltanto greco ma Atene richiede che venga compilato e scaricato entro le 23:59 del giorno prima della partenza.

Il Plf fa parte di una serie di misure varate dalla Commissione Europea il 17 marzo 2021 e in vigore con l’arrivo dell’estate. La compilazione obbligatoria è stata introdotta in Italia con l’Ordinanza del 16 aprile 2021. Le regole variano da Paese a Paese e non c’è una norma univoca. Dipende quindi da ogni singolo Stato. Per avere informazioni sugli ingressi torna utile il sito dell’Unione Europea sul quale si possono consultare le decisioni di ogni Paese sul Form.

Il Plf va compilato con alcune informazioni specifiche: nome e cognome; numero del documento di riconoscimento (carta d’identità o passaporto); recapito telefonico; indirizzo di permanenza sul territorio nazionale; mezzo di trasporto e informazioni sul viaggio come arrivo previsto, alloggio temporaneo e precedente, compagni di viaggio; e un contatto di emergenza. “Ogni Paese ha la propria politica riguardo a chi deve compilare il PLF (alcuni Paesi richiedono un unico PLF nel caso in cui una famiglia viaggia insieme, mentre altri Paesi richiedono che ogni persona adulta compili un PLF individuale)”, si legge sul sito Eu. Per scaricarlo ci si deve registrare, quindi accedere, compilare il Form, selezionare il Paese, indicare con quale mezzo si raggiunge il Paese. Il modulo viene alla fine inviato all’indirizzo e-mail indicato in formato pdf e in QrCode.

Se il viaggio prevede diverse fermate in Paesi diversi è meglio compilare ogni volta un nuovo modulo. Se un volo prevede uno scalo basta un modulo per la destinazione, sempre che il viaggiatore non decida di uscire dall’aeroporto prima di prendere l’altro aereo. Per le vacanze in crociera è sufficiente compilare il form una sola volta facendo riferimento al Paese di sbarco ma con tutti i porti in cui la crociera ha fatto scalo. I cittadini italiani di ritorno in Italia dovranno compilare il Plf per rientrare. La procedura è la stessa. Per le comitive è necessario riempire un modulo per ogni passeggero adulto. I minori possono essere registrati nel modulo dell’adulto accompagnatore. Se i viaggiatori sono minorenni non accompagnati il Plf va compilato dal genitore o dal tutore prima della partenza.

La situazione in Grecia

Il bollettino di venerdì scorso ha fatto registrare in Grecia 2.700 nuove infezioni; solo tre settimane fa erano meno di 400. La preoccupante impennata di casi – causata dalla variante Delta, che sta facendo impennare i dati in tutta Europa e in tutto il mondo – ha portato le autorità greche a imporre nuove restrizioni sull’isola di Mykonos: niente musica nei locali e coprifuoco dall’1:00 alle 6:00 fino al 26 luglio. Bloccata sull’isola di Ios una comitiva di una quindicina di 18enni veneziani. Sono in auto isolamento. Altri cluster con italiani coinvolti a Corfù e a Mykonos.

L’articolo Che cos’è il Plf, il Passenger Locator Form da compilare per entrare e viaggiare in Grecia e Ue proviene da Il Riformista.