• Mar. Set 28th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Calciatori no-vax rifiutano vaccino, focolaio nello Spezia: 11 positivi e allenamenti individuali

DiRed Viper News Manager

Lug 19, 2021

Due giocatori dello Spezia hanno rifiutato la prima dose del vaccino e pochi giorni dopo uno dei due atleti è risultato positivo al covid-19 contagiando altri compagni di squadra, undici in totale. Il focolaio è esploso nel ritiro di Prato allo Stelvio, in Trentino-Alto Adige. Una circostanza che ha costretto il club a sospendere temporaneamente gli allenamenti di gruppo, annullare la prossima amichevole in programma mercoledì ed effettuare, dopo l’ok dell’Asl di Bolzano, allenamenti individuali in attesa che l’intera rosa esca dall’isolamento.

A far luce sull’accaduto è il professor Vincenzo Salini, medico social della società ligure, protagonista di un buon campionato disputato lo scorso anno in serie A. “Abbiamo provveduto come tutte le società ad effettuare la prima dose di vaccino a tutti i calciatori, ma due di loro non hanno accettato, e si ritengono no vax, per questo si è creato un piccolo cluster dal punto di vista clinico. Per fortuna tutti i ragazzi stanno bene” ha spiegato a Radio Punto Nuovo  il professor Vincenzo Salini, già membro della Commissione Medica Figc. “Credo sia stato un caso sfortunato. Un calciatore dei due no-vax è risultato positivo e gli altri vaccinati avevano avuto da troppo poco la prima dose per la copertura”.

Non convocare i no vax? Questo spetta ai club, ma la percentuale è bassa – ha detto Salini -. Penso che questo aspetto spinga ancora di più i calciatori a vaccinarsi. Io sono sicuro che allo Spezia, dopo la seconda dose, non avremo più problemi e con il green pass avremo gli stadi pieni per percentuali importanti. I calciatori dovrebbero vaccinarsi, ma noi possiamo fare solo opera di persuasione”, ha concluso Salini.

 

L’articolo Calciatori no-vax rifiutano vaccino, focolaio nello Spezia: 11 positivi e allenamenti individuali proviene da Il Riformista.