• Dom. Set 19th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Erri De Luca e il vaccino come sentimento civico: “L’ho fatto per la prima volta, e non solo per me”

DiRed Viper News Manager

Lug 18, 2021

Erri De Luca in un’intervista a Il Corriere della Sera racconta di essersi vaccinato contro il covid-19. Una questione civica, un sentimento, un gesto per la collettività. Lo scrittore, che sarà ospite a Ischia del Global Film and Music Festival, ha ammesso che è la prima volta nella sua vita che si sottopone a un vaccino.

Mi sono vaccinato appena pronto il mio turno. L’ho fatto per sentimento civico, per proteggere cioè non solo me stesso, ma le altre persone con cui entro in contatto. Prima di ora non mi ero mai vaccinato contro le influenze stagionali. La misura di protezione della mascherina in luoghi affollati si è dimostrata un presidio efficace di prevenzione e continuerò a usarla. Non credo che in queste misure sanitarie entri in gioco la libertà, nemmeno quando siamo stati isolati per mesi nei nostri luoghi. La libertà è garantita finché resta illeso il diritto di esprimersi“.

Insomma per lo scrittore napoletano la soppressione e la negazione della libertà sono ben altra cosa dal dover esibire il Green Pass – la certificazione di avvenuta vaccinazione, di essere tamponati o di essere guariti dal covid-19 – per accedere e fruire servizi come cinema, teatri, ristoranti e palestre. Il governo sta discutendo proprio su questo in questi giorni. L’uso della certificazione dovrebbe essere esteso e il rilascio limitato solo a chi ha ricevuto anche la seconda dose. Quindi a chi ha completato il ciclo. La cabina di regia decisiva che potrebbe adottare decisioni sulla falsariga di quelle prese in Francia dovrebbe tenersi martedì prossimo, 20 luglio. Multe di 400 euro a chi non esibirà il pass e 5 giorni di chiusura alle attività che non rispetteranno la norma. Queste le indiscrezioni trapelate finora sulla nuova norma.

“Credo che il potere resti tangibile e identificabile. Ha forma di governo e forza per imporre le sue scelte. Non rinuncio a battermi contro le piccole e grandi infamie, dal rinnovo di finanziamenti ai trafficanti libici, all’indisturbato avvelenamento dei cittadini di Taranto, allo spreco tossico del buco in Val di Susa. Il potere è identificato e nient’affatto impalpabile – ha aggiunto De Luca che a Ischia parlerà di Giustizia e Potere – Legalità può essere quella di un Parlamento che vota a maggioranza una legge che punisce chi salva un naufrago, incriminandolo per concorso in immigrazione clandestina, sequestrandogli la barca. Questa legge perfettamente legale va prima di tutto contro il sentimento di giustizia, poi contro l’obbligo di salvataggio. Questa legge legale del nostro Parlamento istiga all’omissione di soccorso, costituendo crimine. È perciò una legge legale e insieme ingiusta, pertanto deve essere disobbedita”.

L’articolo Erri De Luca e il vaccino come sentimento civico: “L’ho fatto per la prima volta, e non solo per me” proviene da Il Riformista.