• Ven. Set 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

“State insieme”, orrore al supermercato: uccide moglie con una coltellata al cuore e riduce in fin di vita fornitore

DiRed Viper News Manager

Lug 16, 2021

Sospettava da tempo una relazione clandestina tra la moglie e il fornitore di latticini del supermercato che gestiva e questa mattina, intorno alle 9, è entrato in azione con l’obiettivo preciso di uccidere entrambi. Questo il movente dietro la tragedia consumatasi venerdì 16 luglio nel parcheggio del supermercato “Cuori e Sapori” presente in via Marigliano a Somma Vesuviana, comune in provincia di Napoli.

Dopo aver avuto l’ennesimo litigio con la consorte, Francesco Nunziata, 70 anni, ha prima aggredito il presunto rivale in amore, un 46enne di Sant’Anastasia, rifilandogli un numero imprecisato di coltellate da ridurlo in fin di vita (l’uomo  è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Nola). Poi ha affrontato la moglie, Vincenza Tortora (e non Tuorto come inizialmente era stato diffuso), 63 anni, uccidendola con una coltellata al cuore prima di allontanarsi e costituirsi nel giro di un’ora presso la caserma dei carabinieri di Ottaviano. “Sono stato io, ero geloso” avrebbe ammesso Nunziata, residente con la moglie (originaria di Saviano) a San Gennarello di Ottaviano.

All’arrivo dei soccorsi, allertati dai dipendenti e dai clienti del supermercato allarmati dalle grida, la donna era già morta mentre il 46enne, le cui condizioni inizialmente non erano apparse serie, è stato condotto in ospedale dove i medici hanno appurato la gravità dei danni provocati dalle coltellate ricevute anche a causa dell’eccessivo sangue perso. Adesso il marito dovrà rispondere di omicidio e tentato omicidio. A coordinare le indagini è la procura di Nola.

Il sindaco: “Due minuti di silenzio, comunità scossa”

“L’intera comunità di Somma Vesuviana è profondamente indignata e scossa per quanto è accaduto questa mattina. E’ chiaro che sulla dinamica del fatto saranno gli inquirenti a fare chiarezza. La società però deve contrastare qualsiasi forma di violenza”. Queste le parole dl sindaco Salvatore Di Sarno. “Con fermezza lanciamo gli hashtag #noallaviolenza #siallavita – aggiunge Di Sarno – e lo faremo domani mattina alle ore 9.30 nel Palazzo Municipale  con 2 minuti di silenzio fatti di donne e con le donne. Saremo al fianco di tutte le donne, di tutti i minori e di tutte le persone che subiscono violenze, aggressioni. Insieme saranno la componente femminile della Giunta comunale, la componente femminile presente in Consiglio comunale, anche di opposizione perché il contrasto alla violenza non ha colore politico e partitico, una delegazione femminile del Comune, dunque dei dipendenti comunali, le donne impegnate nella cultura, nell’associazionismo, nel volontariato. Poi ci recheremo in piazza Vittorio Emanuele III e ci posizioneremo al fianco della panchina rossa dove è stata allestita dall’Associazione Eva – Proeva una cassetta postale per la deposizione di richieste di aiuto anonime e denunce anonime. Non si parlerà perché il silenzio rappresenterà il nostro dolore, la nostra meditazione”, conclude Di Sarno.

L’articolo “State insieme”, orrore al supermercato: uccide moglie con una coltellata al cuore e riduce in fin di vita fornitore proviene da Il Riformista.