• Dom. Set 19th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Effetto alluvioni sul voto in Germania e sul pacchetto clima

This picture taken in Pepinster on July 16, 2021 shows debris piled up next to a bridge after the flood. The situation remains critical as the water keep rising after the heavy rainfall of the previous days. - The death toll from devastating floods in Europe soared to at least 126 on July 16, 2021, most in western Germany where emergency responders were frantically searching for missing people. In Belgium, the government confirmed the death toll had jumped to 20 -- earlier reports had said 23 dead -- with more than 21,000 people left without electricity in one region. (Photo by François WALSCHAERTS / AFP) (Photo by FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP via Getty Images)

Nel giro di due giorni, Armin Laschet, il candidato alla cancelleria tedesca per le elezioni del 26 settembre, ha cambiato idea tre volte sul suo programma sui cambiamenti climatici. Prima, il leader Cdu ha criticato come troppo severo il pacchetto presentato dalla Commissione europea mercoledì scorso. Poi, di fronte alle alluvioni che stanno devastando la Germania, in particolar modo il suo Land del NordReno-Westphalia con centinaia di morti sul campo e un numero imprecisato di dispersi, Laschet ha invocato misure più stringenti di lotta al riscaldamento globale. Ma ancora dopo ha fatto marcia indietro, negando di aver cambiato posizione.

È probabile che le alluvioni che si stanno abbattendo non solo in Germania, ma anche in Belgio e Olanda decidano il futuro del pacchetto clima di Ursula von der Leyen, già azzoppato dalle critiche nella sua stessa squadra a Palazzo Berlaymont e nei paesi membri. Di certo, quanto sta avvenendo in questa ‘pazza’ estate 2021 in Germania sta già avendo un peso nella campagna elettorale tedesca.

“Ecco perché le inondazioni possono decidere le elezioni politiche”, scrive la Welt. Zeit descrive un Laschet che “non sa che fare”, “manca di coraggio, precisione, nervi saldi”. Angela Merkel, ormai ai saluti finali come ha fatto nel bilaterale con Joe Biden a Washington, ultimi vertici prima di chiudere i suoi 16 anni in cancelleria, “avrebbe sfruttato la crisi politicamente”, nota il quotidiano di Amburgo. Il candidato Laschet invece “cerca di sfuggire alle conseguenze della crisi”, ma lo fa “fuggendo dalla realtà”, anche se si fa fotografare in calosce sui luoghi del disastro, mentre l’esercito cerca di pulire le strade dal fango e aiutare la gente a evacuare i luoghi a rischio, come i villaggi intorno alla diga di Rurtalsperre. 

Destroyed houses are seen after floods caused major damage in Schuld near Bad Neuenahr-Ahrweiler, western Germany, on July 16, 2021. - Devastating floods have torn through entire villages and killed at least 129 people in Europe, most of them in western Germany where stunned emergency services were still combing the wreckage on July 16, 2021. (Photo by Christof STACHE / AFP) (Photo by CHRISTOF STACHE/AFP via Getty Images)

 

Resta da vedere se il disastro ambientale possa ridare slancio alla candidata dei Verdi Analena Baerbock, che prima delle alluvioni era scesa nei sondaggi (anche con un tonfo al 17 per cento, da percentuali ben al di sopra del 20 per cento) per varie accuse di plagio, un po’ vere, un po’ strumentali ma evidentemente di effetto sull’elettorato ‘green’. In Germania, i maggiori osservatori scommettono di sì. E tutti aspettano con ansia le rilevazioni della prossima settimana, sebbene sia complicato anche per i Verdi muoversi su questa crisi senza rischiare di apparire come avvoltoi sullo scempio di città e vite umane causato da un’ondata di maltempo mai vista prima in Germania.

“Solo se prendiamo con decisione in mano la lotta contro i cambiamenti climatici riusciremo a contenere gli eventi estremi come quelli che stiamo vivendo adesso”, è l’appello del presidente della Repubblica tedesco Frank-Walter Steinmeier. ”È una tragedia che così tante persone abbiano perso la loro vita”.

Proprio nella settimana delle polemiche sul pacchetto clima presentato da von der Leyen due giorni fa, gli effetti del riscaldamento globale, difficili da negare di fronte al disastro, si stanno abbattendo non solo in Germania ma proprio nel cuore dell’Europa. Mentre scriviamo, in Belgio il bilancio è di 23 morti e una ventina di dispersi. In Vallonia intere comunità sono senza elettricità. In Olanda si apre una crepa di un metro nell’argine della diga del Canale Juliana, nel comune di Meerssen, Limburgo, al confine con il Belgio. Austria, Francia e Italia inviano aiuti in risposta alla richiesta di soccorso del governo belga. A Liegi, la zona più colpita, arriva un team composto da personale dei Vigili del fuoco e del Dipartimento della Protezione civile e mette in salvo 40 persone.

“La scienza ci dice che con il cambiamento climatico vediamo più fenomeni meteorologici estremi, che durano più a lungo. L’intensità e la durata di questi eventi sono una chiara indicazione” del fatto che sono favoriti dal riscaldamento globale, dice von der Leyen in conferenza stampa da Dublino, dove si è recata per portare al governo la pagella di promozione del piano nazionale di ripresa e resilienza irlandese. Questi eventi “orribili dimostrano davvero che è urgente agire” per combattere il cambiamento del clima, continua la presidente della Commissione Europea, sottolineando che Bruxelles ha “attivato i meccanismi per aiutare gli Stati membri” colpiti dalle alluvioni.

Al netto dei lutti, quanto sta accadendo è una piccola rivincita per von der Leyen, che due giorni fa ha faticato in Commissione per vedere approvato il suo pacchetto clima. Ne è uscita dopo ore di discussioni, polemiche e un voto contrario, quello del commissario austriaco Johannes Hahn. Chissà se l’ondata eccezionale e anomala di maltempo avrà, sul pacchetto clima, lo stesso effetto che ha avuto l’emergenza covid sull’economia. La pandemia è riuscita in poco tempo a sospendere il Patto di stabilità e varare un piano straordinario come il Next Generation Eu. Cosa possono le alluvioni?

Illustration shows floods in Pepinster after the heavy rainfall of the past days, Friday 16 July 2021. The provincial disaster plan has been declared in Liege, Luxembourg and Namur provinces. The situation remains critical in Maaseik, Limburg province, where the water is still rising. At least fifteen people are known to have died, several others are missing. BELGA PHOTO BRUNO FAHY (Photo by BRUNO FAHY/BELGA MAG/AFP via Getty Images)Austrian firefighters steer a boat in a flooded street in Pepinster on July 16, 2021, where the situation remains critical after the heavy rainfall of the previous days. - The death toll from devastating floods in Europe soared to at least 126 on July 16, 2021, most in western Germany where emergency responders were frantically searching for missing people. In Belgium, the government confirmed the death toll had jumped to 20 -- earlier reports had said 23 dead -- with more than 21,000 people left without electricity in one region. (Photo by François WALSCHAERTS / AFP) (Photo by FRANCOIS WALSCHAERTS/AFP via Getty Images)

Articolo proveniente da Huffington Post Italia