• Lun. Set 20th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Sì al Green Pass nei locali per incentivare la campagna vaccinale

La campagna vaccinale in Italia sta andando molto bene. Tuttavia è in atto una vera e propria corsa contro il tempo a causa del dilagare della variante Delta. E dobbiamo continuare a vaccinare sia gli over sessantenni non ancora vaccinati sia i nostri giovani. Sappiamo che quando il virus gira, aumentano le possibilità che esso muti. Ma se siamo bravi con tamponi e tracciamento riusciamo a isolare e arginare questo virus. E su questo governo e regioni devono fare molto di più.

Intanto bisogna agire tutte le leve che abbiamo a disposizione per convincere i nostri cittadini più riottosi ad effettuare il ciclo vaccinale, soprattutto in questo momento di ferie e vacanze. Nello stesso tempo è necessario per tutti noi dimostrare di aver compreso la lezione così duramente impartitaci dal Covid-19, che recita così: siamo responsabili della nostra salute ma anche di quella degli altri.

È necessario dunque in questa fase così delicata adoperare il Green Pass come viatico per prendere treni, aerei ed entrare in bar e ristoranti. In Francia, dove Macron ha intrapreso questa strada, in poche ore sono aumentate le richieste di vaccinazione.   

Ha ragione dunque il generale Figliuolo quanto dice che la richiesta del Green pass può essere una spinta alla vaccinazione. Bisogna fare presto a prendere questa decisione perché i contagi cresceranno a causa della variante Delta e non possiamo correre il rischio di nuove chiusure di attività economiche che si stanno a fatica riprendendo.

Andare in un bar o in un ristorante con il Green pass significherebbe riacquistare in maniera stabile la nostra libertà di movimento in tranquillità e rispettare la nostra economia.

Inoltre abbiamo un obiettivo più grande che è quello di riaprire a settembre le scuole in presenza e non in dad. Quindi meglio andare in un ristorante, in un treno con il Green pass che far rischiare di nuovo la scuola e il futuro dei nostri giovani.

Articolo proveniente da Huffington Post Italia