• Lun. Set 20th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Video contro il Museo egizio, assolto in Appello il leghista Crippa: “Non c’è stata diffamazione”

DiRed Viper News Manager

Lug 13, 2021

Andrea Crippa ha “legittimamente esercitato il proprio diritto di criticare l’iniziativa” del Museo egizio di Torino. Così la Corte d’Appello del capoluogo piemontese ha assolto il deputato e vicesegretario della Lega per la nota vicenda del video pubblicato sui propri social network contro il Museo delle Antichità Egizie di Torino nel gennaio 2018.

Il filmato pubblicato nel gennaio 2018 mostrava Crippa, all’epoca leader del Movimento dei Giovani Padani e assistente a Bruxelles di Salvini, compiere una finta telefonata al Museo Egizio di Torino per chiedere conto dell’iniziativa della Fondazione di dare uno sconto ai visitatori di nazionalità araba. Nel video il deputato si rivolge ad un finto centralino, al quale chiede se tutto gli pare “normale”. “Gli italiani che fanno, pagano il biglietto intero?”, domanda Crippa. Un video che aveva provocato decine di telefonate al Museo di leghisti che si lamentavano degli sconti e una forte polemica politica.

In primo grado Crippa era stato condannato a un risarcimento danni non patrimoniali di 15mila euro e gli era stato ordinato di rimuovere il video, mentre i giudici della Corte d’Appello hanno ritenuto “la conversazione telefonica non aveva in alcun modo alterato e perniciosamente compromesso la verità oggettiva del messaggio”.

La sentenza ha riconosciuto che il linguaggio tenuto dal fedelissimo di Salvini è stato “di certo mai offensivo, ingiurioso e turpiloquiale… nel legittimo esercizio del diritto di critica politica”. Nell’archiviare il procedimento i giudici hanno quindi negato che la condotta di Crippa “sia mai trasbordata nell’offesa personale e gratuita ai danni dell’opponente Fondazione”.

L’articolo Video contro il Museo egizio, assolto in Appello il leghista Crippa: “Non c’è stata diffamazione” proviene da Il Riformista.