• Ven. Ago 6th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Poggioreale, ci sono 2mila detenuti ma solo 24 sono stati vaccinati…

DiRed Viper News Manager

Mag 10, 2021
Il paradosso è evidente: mentre il governatore campano Vincenzo De Luca annuncia che «la campagna vaccinale in Campania va avanti in modo eccellente», da due settimane la somministrazione del siero anti-Covid è al palo nel carcere di Poggioreale, struttura tra le più affollate in Europa dove, di conseguenza, è impossibile osservare il distanziamento sociale. A certificarlo sono le statistiche che parlano di soli 24 detenuti vaccinati a fronte di una popolazione carceraria di 2.118 persone. Non va meglio a Secondigliano dove, dopo un avvio incoraggiante, la campagna vaccinale si è bloccata a 56 detenuti immunizzati a fronte di una platea di 1.159 persone.

Certo, la campagna è su base volontaria e quindi la quota di vaccinati va calcolata non sul totale dei detenuti presenti, ma sul numero di quelli che hanno accettato di farsi inoculare il siero anti-Covid. Ed è altrettanto vero che la guerra al virus è stata finora condizionata dalle poche dosi di farmaci disponibili. Il dato fornito da Samuele Ciambriello, garante regionale delle persone private della libertà, è però ugualmente preoccupante se si considerano il rischio sanitario connesso al sovraffollamento e la presenza di detenuti attualmente positivi al Covid: dieci a Poggioreale e quattro a Secondigliano più uno a Santa Maria Capua Vetere. «Nei due principali penitenziari napoletani – spiega Ciambriello – la campagna vaccinale si è fermata proprio quando dal commissario Figliuolo è arrivato il via libera alle immunizzazioni a scaglioni e a oltranza, senza limiti connessi all’età».

Il garante dei detenuti ha sollecitato i vertici dell’Asl Napoli 1 che hanno assicurato 350 vaccinazioni a Secondigliano e 250 a Poggioreale a partire da martedì. «La campagna deve riprendere subito e a tambur battente, non a macchia di leopardo – aggiunge Ciambriello – Non è accettabile che i detenuti siano trattati come “figli di un dio minore” perché il diritto alla salute va garantito a tutti, a cominciare da chi è più esposto al contagio». Il problema riguarda anche il personale della polizia penitenziaria, gli educatori e tutti gli altri soggetti che, entrando e uscendo continuamente dai penitenziari, potrebbero contrarre il virus all’esterno per poi trasmetterlo a chi vive dietro le sbarre. Di qui la necessità di immunizzarli al più presto. Attualmente il personale vaccinato tocca quota 2.240 su una platea di 4mila unità, mentre i poliziotti attualmente positivi al Covid sono 48 e rischiano di scatenare o alimentare pericolosi focolai.

Eccezion fatta per Napoli, la campagna vaccinale fa segnare risultati incoraggianti. I detenuti immunizzati sono circa 380 nel Casertano, 38 tra Benevento e Airola, 246 tra Salerno, Eboli e Vallo della Lucania, 102 tra Avellino, Ariano Irpino e Sant’Angelo dei Lombardi. Ottima la performance del carcere femminile di Pozzuoli dove, in soli due giorni, il siero anti-Covid è stato somministrato a 122 detenute su 130: probabilmente un record nazionale. In totale, in Campania, i reclusi vaccinati sono circa 1.400 su circa 19mila in tutta Italia. Il dato è tutto sommato positivo, ma non ancora sufficiente per garantire un’alta protezione dal Covid a chi vive o lavora nei penitenziari di Napoli e dintorni. «La vaccinazione è un diritto–dovere per chi accede e per chi è dentro il carcere – conclude Ciambriello – Bisogna accelerare, magari puntando sul vaccino a dose unica che evita complicazioni burocratiche e presenta diversi vantaggi organizzativi».

L’articolo Poggioreale, ci sono 2mila detenuti ma solo 24 sono stati vaccinati… proviene da Il Riformista.