• Mar. Lug 27th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Aerospazio, in Campania la filiera più digitalizzata d’Italia

Il cantiere è aperto. Si lavora per trasformare l’aerospazio campano in un sistema ad alta digitalizzazione, una vera e propria smart factory valley nella nostra regione. È l’obiettivo della collaborazione nata tra Distretto aerospaziale della Campania (Dac) e Hexagon Manufacturing Intelligence, leader mondiale nel settore dei sensori e del software per una produzione più intelligente. Perché è vero che la pandemia ha causato nel mondo una crisi devastante come una guerra. Ed è vero che l’economia mondiale ne ha subito effetti pesanti molto più che con la crisi dei subprime del 2008. Ma è evidente che, anche stavolta, non si esce dalla recessione senza investire, soprattutto in crescita tecnologica e nuove competenze, a cominciare da quelle digitali.

Ecco allora perché appare premiante la collaborazione Dac-Hexagon, nata con l’intento di offrire nuove opportunità e competenze alle piccole e medie imprese della filiera aerospaziale, per affrontare il periodo pandemico con azioni ispirate a una “resilienza attiva”. Più nel merito, ciò vuol dire ottimizzare i processi produttivi mediante la digitalizzazione e la formazione del personale in modo che, quando l’emergenza sanitaria sarà alle spalle, produzione e occupazione potranno ripartire più forti di prima. L’upgrade di competenze e strumenti porterà la Campania ad avere la filiera più digitalizzata d’Italia, indispensabile presupposto per rispondere in modo rapido ed efficiente alle esigenze del mercato aerospaziale globale. «Il fatto che Hexagon abbia deciso di far nascere in Campania un centro tecnico-applicativo, con una configurazione che attraversa tutte le fasi del processo produttivo dei suoi clienti acquisiti e potenziali – commenta Luigi Carrino, presidente del Dac –  sta a significare che la filiera aerospaziale della Campania è una filiera leader e la sua strutturazione sotto forma di Distretto facilita i rapporti tra le imprese e il trasferimento di tecnologie».

«L’idea è creare in Campania una Smart Factory Valley – aggiunge Armando Mete, senior regional sales manager della divisione Manufacturing Intelligence di Hexagon – Ogni azienda campana che entrerà a far parte di questa factory godrà di nuove opportunità, farà un passo avanti nella digitalizzazione e avrà più opportunità e offerte competitive sul mercato internazionale, presentandosi all’interno di un network fortemente innovativo». La Campania è una delle poche regioni italiane che vanta un interesse per l’aeronautica e lo spazio che dura da circa cento anni. Questo interesse si è tradotto, dall’epoca della corsa allo spazio in poi, in un coinvolgimento capillare dell’intero territorio. È da questa stratificazione di capacità imprenditoriali e competenze scientifiche che nasce il Distretto aerospaziale campano, che oggi enumera 193 aziende socie e dieci tra università e centri di ricerca. Hexagon (che conta circa 21mila dipendenti in 50 Paesi) è a sua volta un’azienda leader a livello mondiale nel campo dei sensori, dei software e delle soluzioni autonome. E vanta tecnologie che stanno modellando gli ecosistemi urbani e produttivi per farli diventare sempre più connessi e autonomi, garantendo un futuro scalabile e sostenibile.

L’articolo Aerospazio, in Campania la filiera più digitalizzata d’Italia proviene da Il Riformista.