• Mer. Lug 28th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Cos’è la tarma della farina, primo insetto commercializzato come alimento in Europa

Non più simbolo di certa cucina ‘gourmet’, ma un alimento ‘tout court’ che potrà finire liberamente sulle tavole italiane. Gli Stati membri hanno approvato oggi una approvato una proposta della Commissione europea che consente l’uso di vermi della farina gialli essiccati come nuovo alimento.

Si tratta della prima autorizzazione all’immissione in commercio dell’Ue per gli insetti come nuovi alimenti, avvenuta a seguito di una attenta e rigorosa valutazione da parte dell’Efsa, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare.

A presentare la richiesta di autorizzazione all’utilizzo della tarma della farina all’autorità europea è stata la Sas Eap Group di Saint-Orens-de-Gameville, un’azienda francese.

Le larve seccate del Tenebrione mugnaio (Tenebrio molitor), un coleottero meglio noto come tarma della farina, potranno essere usate intere, seccate, come snack o come ingredienti, in una serie di prodotti alimentari.

Se in Europa gli insetti sono un cibo nuovo ed estraneo alla cultura culinaria, altrove la situazione è ben diversa: milioni di persone consumano quotidianamente insetti, qualificati dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) come una fonte di cibo sana e altamente nutriente, ricca di grassi, proteine, vitamine, fibre e minerali.

La Commissione europea, citando la Fao, ricorda anche come l’uso degli insetti come alimento per l’uomo “particolarmente rilevante nel XXI secolo” a causa del “costo crescente delle proteine animali, dell’insicurezza alimentare, della crescita demografica e della crescente domanda di proteine da parte delle classi medie”. Per questo vanno quindi trovate “soluzioni alternative all’allevamento convenzionale”. E “il consumo di insetti contribuisce positivamente all’ambiente e alla salute“.

Ovviamente non c’è il rischio di comprare un prodotto alimentare contenente l’insetto a insaputa del consumatore: dovrà essere indicato sull’etichetta. Pur essendo promosse da Fao e Efsa, le tarme della farina possono provocare reazione allergiche nelle persone intolleranti ai crostacei o agli acari della polvere, oltre alla nota presenza di glutine nei vermi.

Al momento, comunque, gli insetti rappresentano un mercato “di nicchia, molto piccolo” nell’Ue, spiegano dalla Commissione europea.

L’articolo Cos’è la tarma della farina, primo insetto commercializzato come alimento in Europa proviene da Il Riformista.