• Mer. Lug 28th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Investito sul raccordo, muore il primario Agazio Menniti: aveva salvato Manuel Bortuzzo

Agazio Menniti era il primario del reparto di Neurochirurgua dell’ospedale San Camillo di Roma. È morto in un incidente stradale giovedì scorso, sul Raccordo anulare. Aveva 46 anni. Lascia la moglie e due figli. Cordoglio per il professionista, molto stimato, al San Camillo. Il neurochirurgo aveva fatto parte dell’équipe che aveva salvato la vita di Manuel Bortuzzo. Sull’incidente indaga la Polstrada.

Menniti è morto a pochi chilometri da casa sua, sulla Giustiniana. Un’automobile ha tamponato la moto sulla quale stava viaggiando. Il primario ha cercato di rialzarsi e in quel momento è stato travolto da un’altra vettura. Non ha avuto scampo. I due automobilisti sono indagati per omicidio colposo.

Una personalità determinata e riservata al tempo stesso, quella del primario. Era nato a Guardavalle, in provincia di Catanzaro. Aveva studiato alla Scuola militare della Nunziatella. Si era specializzato all’Università Tor Vergata. Era entrato nell’équipe del luminare Alberto Delitala. E aveva contribuito a salvare la vita di Manuel Bortuzzo, il nuotatore nel giro della nazionale nel febbraio 2019 ferito a colpi di pistola, in strada, per uno scambio di persona. Menniti aveva seguito anche il decorso post-operatorio dell’atleta.

Delitala ha spiegato al Corriere della Sera come il primario si fosse specializzato in chirurgia dell’ipofisi a Napoli. Giovedì, prima dell’incidente fatale, aveva salvato un paziente da un’emorragia cerebrale ed eseguito un drenaggio.

L’articolo Investito sul raccordo, muore il primario Agazio Menniti: aveva salvato Manuel Bortuzzo proviene da Il Riformista.