• Mar. Lug 27th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Premi Oscar, trionfa “Nomadland”: niente statuette per gli italiani Laura Pausini e “Pinocchio”

DiRed Viper News Manager

Apr 26, 2021

Una speciale notte degli Oscar, quella del 2021, la 93esima della storia degli Academy Awards, il premio più prestigioso nel mondo del cinema. Un trionfo assoluto per Nomadland e per la sua regista Chloé Zhao, che scrive la storia del cinema: prima donna asiatica e seconda di sempre ad aggiudicarsi la statuetta alla miglior regia. Migliori attori protagonisti due star come Anthony Hopkins e Frances McDormand. Delusione per gli italiani in lizza. Niente statuetta né per Laura Pausini, candidata con la canzone Io sì, da La vita davanti a sé, per la miglior canzone originale, né per il Pinocchio di Matteo Garrone, candidato con i migliori trucco e costumi.

La serata dalla Union Station e dal Dolby Theatre di Los Angeles. Cerimonia in presenza, una parvenza di normalità con restrizioni e limitazioni a causa dell’emergenza coronavirus. Quindici su venti tre statuette sono andate a film distribuiti su servizi in streaming. Protagonista della cerimonia le ingiustizie sociali e razziali con il monologo di apertura di Regina King sulla morte dell’afroamericano George Floyd, l’uomo ucciso brutalmente lo scorso maggio 2020 dalla polizia a Minneapolis, un caso che ha scatenato proteste in tutto il mondo.

Nomadland di Chloé Zhao si è aggiudicato la statuetta per il miglior film. Produttori Frances McDormand, Peter Spears, Mollye Asher, Dan Janvey e Chloé Zhao. Quest’ultima si è aggiudicata anche il premio come Miglior Regista. A McDormand il premio come Miglior Attrice protagonista. Un trionfo per Nomadland. Miglior Attore protagonista a Anthony Hopkins per la sua interpretazione in Father – Nulla è come sembra.

Delusione per gli italiani. Laura Pausini era candidata alla miglior canzone originale, andato a Fight for you di H. E. R. dal film Judas and the Black Messiah. Pinocchio di Matteo Garrone era candidato con Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti per il trucco e Massimo Cantini Parrini per i costumi. Entrambi i premi sono andati a Ma Rainey’s black bottom.

Il premio per la migliore sceneggiatura è andato a Una donna promettente, Miglior attore non protagonista a Daniel Kaluuya per Judas and the Black Messiah, miglior attrice non protagonista a Yuh-Jung Youn per Minari.

L’articolo Premi Oscar, trionfa “Nomadland”: niente statuette per gli italiani Laura Pausini e “Pinocchio” proviene da Il Riformista.