• Mer. Lug 28th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Contro la crisi serve un patto tra istituzioni: dal Covid si esce solo insieme

DiRed Viper News Manager

Apr 22, 2021

Caro Riformista, qualche giorno fa abbiamo sottoscritto con Cgil, Uil e Confindustria Campania l’accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro. Nei prossimi giorni, seguendo le linee guida del documento nazionale, sigleremo l’accordo per la campagna di vaccinazione anti-Covid nelle aziende, così come siamo prossimi a sottoscrivere un protocollo con la Regione in materia di sanità e un altro su politiche attive e formazione. Questo a dimostrazione di quanto sia importante rafforzare le strategie per rilanciare e assumere decisioni politiche importanti, condivise tra parti sociali e istituzioni e di come due termini, quali coesione e collaborazione, siano indispensabili nell’azione di governo per evitare un isolamento controproducente per la Campania.

Per questo la Cisl sta spingendo per un dialogo e un confronto costante con la Regione per condividere scelte e priorità. La  pandemia ha aumentato a dismisura disuguaglianze sociali e  il divario economico e l’essere condannati a vivere con forti restrizioni da più di un anno, pur comprendendo e rispettando le norme di sicurezza, senza mai spiegare alla gente cosa non ha funzionato e continua a non funzionare (la tracciabilità del contagio, la mancata organizzazione territoriale, la carenza di vaccini e di personale, la disponibilità dei posti Covid nelle strutture ospedaliere) non ha fatto altro che portare all’esasperazione tante categorie produttive e alle proteste di piazza che ci lasciano un monito, quello legato al lavoro e alla dignità di tante famiglie che non reggono più il tempo dell’attesa di ricominciare in maniera definitiva.

Perciò riteniamo che occorra proseguire sulla strada del dialogo, della valorizzazione del rispetto delle regole per tutti, nell’interesse del bene delle nostre comunità. Esempio di concertazione e di concretezza è stato quello della due giorni voluta dalla ministra Mara Carfagna con tutti i soggetti protagonisti sul territorio e deputati a segnare la svolta per il Sud e per l’Italia. È emerso con evidenza che le risorse ci sono. Quattro i punti strategici: la crescita, l’occupazione, la digitalizzazione della pubblica amministrazione e la produttività che nel Mezzogiorno si attestano sotto la media nazionale e fanno precipitare l’Italia in coda nel confronto con gli Stati europei. Le risorse in conto capitale, quelle derivanti dal fondo di sviluppo e coesione, del Recovery Plan e quelle relative alla programmazione 2021-2027 devono essere spese in tempi celeri, superando la media dei cinque anni per la realizzazione di un’opera.

Importante sarà sfondare il blocco determinato dalla mancata definizione dei livelli essenziali di prestazioni e riconsiderare la spesa per gli investimenti nei servizi essenziali non più su base storica. Lo tsunami sociale, economico e sanitario è alle porte, di contro il silenzio – o, peggio, le parole vane – riempiono gli spazi della speranza di un ritorno alla “normalità” che non sarà più tale per nessuno. Il tempo non passa invano e lascia dietro di noi tanta povertà e tanta rabbia che esploderanno quando saranno finiti i miseri ristori, sarà cessata la cassa covid e le aziende potranno tornare a licenziare.

L’articolo Contro la crisi serve un patto tra istituzioni: dal Covid si esce solo insieme proviene da Il Riformista.