• Mar. Lug 27th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Johnson & Johnson, per l’Ema non ci sono limitazioni: “Rari casi di trombosi simili ad AstraZeneca”

DiRed Viper News Manager

Apr 20, 2021

I benefici del vaccino di Johnson & Johnson “superano i rischi”. È un sostanziale via libera al siero monodose prodotto dalla casa farmaceutica americana quello arrivato oggi dall’Ema, l’Agenzia europea del farmaco, chiamata a dare un suo parere sul vaccino dopo che il 13 aprile scorso la Food and Drugs Administration statunitense aveva bloccato la somministrazione delle dosi negli Stati Uniti per otto casi di trombosi cerebrale su quasi 7 milioni di vaccini inoculati.

Anche l’Ema ha riconosciuto possibili” legami di causa-effetto tra il vaccino di Johnson & Johnson e gli eventi “molto rari” di trombosi cerebrale che si sono verificati negli Usa, eventi verificatisi in persone di età inferiore ai 60 anni, in maggioranza donne ed “entro entro tre settimane dalla vaccinazione”.

Sulla base delle prove attualmente disponibili però “i fattori di rischio specifici non sono stati confermati”.

Il comitato per la sicurezza (Prac) dell’Ema ha quindi concluso che alle informazioni sul prodotto relative al vaccino anti Covid 19 sviluppato da Janssen dovrebbe essere aggiunto un avvertimento su coaguli di sangue insoliti con piastrine basse.

“I casi esaminati erano molto simili ai casi verificatisi con il vaccino Covid-19 sviluppato da AstraZeneca, Vaxzevria”, ha spiegato  l’Ema in una nota. “Il Prac ha osservato che i coaguli di sangue si sono verificati principalmente in siti insoliti come nelle vene del cervello (trombosi del seno venoso cerebrale, Cvst) e dell’addome (trombosi della vena splancnica) e nelle arterie, insieme a bassi livelli di piastrine del sangue e talvolta sanguinamento”.

Una spiegazione plausibile, si legge ancora nella nota, per la combinazione di coaguli di sangue e piastrine basse è una risposta immunitaria, che porta a una condizione simile a quella osservata a volte nei pazienti trattati con eparina chiamata trombocitopenia indotta da eparina

L’articolo Johnson & Johnson, per l’Ema non ci sono limitazioni: “Rari casi di trombosi simili ad AstraZeneca” proviene da Il Riformista.