• Mar. Giu 15th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

A 80 anni pattina sul lago ghiacciato, le immagini della nonnina fanno il giro del mondo

DiRed Viper News Manager

Apr 16, 2021

Lyubov Morekhodova è diventata famosa grazie alla passione che l’ha accompagnata durante tutta la sua vita. A maggio compie 80 anni ed è una delle pattinatrici più anziane al mondo. Hanno fatto il giro dei social network e delle televisioni le sue immagini mentre pattina sul lago Bajkal, il lago d’acqua dolce più profondo e voluminoso del mondo. Si trova in Siberia. L’aspetto più sorprendente è che Morekhodova si diverte ancora sui pattini costruiti da suo padre 70 anni fa. E’ nata nel villaggio di Shara-Togot nella regione di Irkutsk, in Russia, poche settimane prima dell’inizio della seconda guerra mondiale. La signora Lyubov è cresciuta in una famiglia numerosa composta da sette figli, il padre Nikolay una guardia forestale e la mamma Fiona casalinga.

La famiglia di Morekhodova è stata costretta al trasferimento dopo la costruzione della diga di Irkutsk. Il resto della sua vita l’ha vissuto nella città di Khaly, nella Siberia centrale. E’ proprio in quel villaggio rurale che Morekhodova ha iniziato all’età di otto anni a pattinare. Tutto è cominciato come escamotage per ridurre le distanze casa-scuola, grazie alla realizzazione di due pattini che il padre le aveva costruito con due strisce prese da una sega d’acciaio; “le ha inserite in due assi di legno e ha attaccato il lego a due valenki, ovvero stivali di feltro”. L’aver imparato ad attraversare il lago di Bajkal le è servito soprattutto durante il suo periodo liceale siccome la scuola si trovava a circa 25 chilometri di distanza e le auto a quell’epoca non circolavano tantissimo.

Morekhodova si è laureata in ingegneria meccanica e ha lavorato per 42 anni nella fabbrica di famiglia come addetta alla tecnologia. Dopo la morte di suo marito Mikhail e dei suoi tre figli, la donna è rimasta improvvisamente sola, e si è dedicata all’agricoltura. Si sveglia ogni giorno alle cinque del mattino per accudire il suo bestiame composto da 11 mucche, galline, quattro cani e tre gatti. La cosa più difficile, come ha spiegato, è trovare dell’erba per sfamare gli animali durante la stagione invernale, quando le temperature arrivano anche a cinquanta gradi sotto zero. Inizia quindi la giornata accendendo un fuoco, poiché la casa si raffredda rapidamente, soprattutto nelle giornate ventose. In inverno, il suo bestiame cammina per lunghe distanze alla ricerca dell’erba sotto la neve; per trovare gli animali indossa i suoi fidati pattini, prende il binocolo e pattina lungo il lago.

Per Morekhodova, il pattinaggio è semplicemente un’attività gioiosa. Ma quando una sua amica Volodya ha pubblicato un suo video sul ghiaccio alcuni anni fa, ha improvvisamente iniziato a ricevere chiamate da tutto il mondo. Molti giornalisti erano incuriositi dalla sua storia e oggi è conosciuta nel villaggio come la babushka, che significa “nonna” in russo, di Baikal. Dopo la pubblicazione del video della sua amica Volodya, la vita di Morekhodova è cambiata. “Mi sono persino arrabbiata con lei – ha detto ai giornalisti locali – Mi sono un po’ stancata delle infinite chiamate. Sono stata persino invitata a un talk show a Mosca, dove non andavo dagli anni 70“.

Insomma babushka, tra l’accudire le 11 mucche e rispondere ai giornalisti non ha un attimo di tempo e alla domanda del giornalista del Siberian Times: “Ti riposi mai?” la nonnina più cool della Russia ha risposto: “La sera, quando guardo la TV o gioco a sudoku, o controllo le mappe per trovare tutti quei luoghi interessanti che menzionano nelle notizie”. Il pattinaggio è uno sport spesso riservato ai giovani e agli atleti ma Morekhodova, nonostante la sua età, non si tira mai indietro e tutt’oggi continua a gareggiare nelle gare locali.

L’articolo A 80 anni pattina sul lago ghiacciato, le immagini della nonnina fanno il giro del mondo proviene da Il Riformista.