• Gio. Giu 24th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Perché i vaccini AstraZeneca provocano trombosi, gli scienziati: “Dimezzare le dosi per evitare i danni”

DiRed Viper News Manager

Apr 13, 2021

Non c’è pace per la grande campagna di vaccinazione mondiale. Dopo i dubbi su AstraZeneca, dagli Stati Uniti è scattato il timore che anche Johnson&Johnson possa causare trombosi. Il motivo per cui questi due vaccini sono accumunati sotto la lente di ingrandimento è che sono entrambi prodotti da adenovirus modificato.

Tra dubbi e perplessità ancora da chiarire, gli scienziati sono certi al 100% che questi vaccini siano fondamentali, efficaci e soprattutto che i benefici siano assolutamente superiori ai rischi. E lo testimoniano anche i numeri: in America, ad esempio si parla di un caso di trombosi su un milione di vaccini. “In questa sorta di graduale curva scorrevole del rapporto rischio-beneficio, non c’è punto improvviso in cui diventa sicuro o pericoloso”, spiega David Spiegelhalter, statistico dell’Università di Cambridge. Ma per ora i numeri suggeriscono che, anche per i giovani, il vaccino è un vantaggio netto per la stragrande maggioranza. “Farsi vaccinare fornisce protezione anche ad altre persone – dice lo statistico – Penso che sia un aspetto che non è stato enfatizzato abbastanza”.

PERCHÉ SI SCATENANO LE TROMBOSI DOPO IL VACCINO – Gli scienziati dell’Università di Greifswald, guidati da Andreas Greinacher, in Germania, hanno scoperto che una sorta di “overdose di vaccino” avrebbe provocato le trombosi in diversi pazienti. Man mano che il collegamento è diventato più chiaro, è stato messo a fuoco un possibile meccanismo guidato da una reazione immunitaria errante.
Il gruppo di ricercatori tedeschi ha pubblicato le sue osservazioni sul New England Journal of Medicine (NEJM). Hanno scoperto che i pazienti avevano anticorpi insoliti che innescano l’attivazione e il consumo delle piastrine e possono bloccare i vasi sanguigni, potendo creare occlusioni dei vasi sanguigni, i trombi, portando a ictus o embolie potenzialmente mortali.

COME AFFRONTARE LA TROMBOSI – I sintomi assomigliano a una rara reazione al farmaco eparina, chiamata trombocitopenia indotta da eparina (HIT), in cui il sistema immunitario produce anticorpi contro un complesso di eparina e una proteina chiamata fattore piastrinico 4 (PF4), innescando piastrine per formare pericolosi coaguli in tutto il corpo. I ricercatori hanno scoperto che i destinatari del vaccino ammalati avevano anche anticorpi contro PF4.

Ed è proprio questo che induce gli scienziati a credere che l’eparina, utilizzata come anticoaugulante possa in questo caso peggiorare la situazione nelle persone che hanno fatto il vaccino che ha scatenato al trombosi. E dunque, la stessa eparina non deve essere usata per prevenzione o trattamento della trombosi potenzialmente indotta dal vaccino. I ricercatori, guidati dall’esperto di coagulazione Andreas Greinacher dell’Università di Greifswald, hanno chiamato la sindrome trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino (VITT).

Nel loro articolo, Greinacher ei suoi colleghi ipotizzano anche un possibile meccanismo. Vaxzevria (il nuovo nome attribuito ad AstraZeneca) è costituito da un adenovirus progettato per infettare le cellule e indurle a produrre la proteina spike del virus. Tra i circa 50 miliardi di particelle virali in ogni dose, alcune potrebbero rompersi e rilasciare il loro DNA, dice Greinacher. Come l’eparina, il DNA ha una carica negativa, il che aiuterebbe a legarlo a PF4, che ha una carica positiva. Il complesso potrebbe quindi innescare la produzione di anticorpi, soprattutto quando il sistema immunitario è già in allerta a causa del vaccino. Una reazione immunitaria al DNA extracellulare fa parte di un’antica difesa immunitaria innescata da gravi infezioni o lesioni, osserva Greinacher, e lo stesso DNA libero può segnalare al corpo di aumentare la coagulazione del sangue.

In alternativa, gli anticorpi potrebbero essere già presenti nei pazienti e il vaccino potrebbe semplicemente potenziarli. Molte persone sane ospitano tali anticorpi contro PF4, ma sono tenuti sotto controllo da un meccanismo immunitario chiamato tolleranza periferica, afferma Gowthami Arepally, ematologo presso la Duke University School of Medicine che sta lavorando come consulente esterno con AstraZeneca sulla questione.

Individuare il meccanismo è fondamentale per capire se altri vaccini prodotti da un adenovirus modificato, che includono quelli di Johnson & Johnson e CanSino, nonché lo Sputnik V russo, fanno qualcosa di simile. Il 9 aprile, l’EMA ha dichiarato che stava indagando su quattro casi di coagulazione simile osservati in pazienti statunitensi che avevano ricevuto il vaccino Johnson & Johnson, che è stato utilizzato negli Stati Uniti dall’inizio di marzo ma deve ancora fare il suo debutto in Europa. I casi potrebbero essere una coincidenza, dice Greinacher, ma “è almeno molto sospetto”.

LE DOSI DIMEZZATE – Greinacher e il suo collaboratore Rolf Marschalek, biologo molecolare dell’Università di Francoforte, chiedono di testare una soluzione semplice: dimezzare la dose di Vaxzevria. Nello studio di fase III di AstraZeneca nel Regno Unito, un piccolo numero di persone ha ricevuto accidentalmente una dose più bassa e ha avuto meno effetti collaterali in generale; “forse la dose più bassa ha meno probabilità di innescare il tipo di forte infiammazione che aumenta anche gli anticorpi PF4”, dicono i ricercatori. E inaspettatamente, quelle persone erano leggermente più protette, forse perché alti livelli di infiammazione possono effettivamente bloccare la formazione di anticorpi, dice Marschalek. “Parte del problema potrebbe essere che hanno appena overdose”, il vaccino, dice Greinacher.

Il fatto che effetti collaterali più comuni compaiano meno frequentemente a mezza dose non significa che lo stesso sia vero per gli effetti collaterali molto rari, avvertono gli scienziati. Ma se l’intuizione si rivela corretta, quello che sembrava un colpo terribile per una delle armi più importanti del mondo contro la pandemia potrebbe essere una buona notizia sotto mentite spoglie: le forniture del vaccino potrebbero vaccinare il doppio delle persone, con meno effetti collaterali.

L’articolo Perché i vaccini AstraZeneca provocano trombosi, gli scienziati: “Dimezzare le dosi per evitare i danni” proviene da Il Riformista.