• Lun. Giu 21st, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Amazon, dipendenti bocciano sindacato e Bezos attacca: “Ora 15 dollari l’ora a tutti i lavoratori”

DiRed Viper News Manager

Apr 10, 2021

“Grazie ai dipendenti del nostro centro logistico BHM1 in Alabama per aver partecipato alle elezioni. C’è stato molto rumore negli ultimi mesi e siamo contenti che le vostre voci collettive siano state finalmente ascoltate. Alla fine, meno del 16% dei dipendenti di BHM1 ha votato per entrare a far parte del sindacato RWDSU (il Retail, Wholesale and Department Store Union, ndr)”.

Così Amazon, il colosso e-commerce di Jeff Bezos, in una nota pubblicata sul proprio blog dopo l’esito delle votazioni che hanno visto i lavoratori dello stabilimento in Alabama, Usa, rifiutare l’adesione al sindacato. Dei 6.000 dipendenti dello stabilimento hanno votato circa il 55% e il no ha ottenuto oltre 1.798 voti su 3.041, conquistando la maggioranza. A votare a favore di una sindacalizzazione sono stati 738 lavoratori, mentre 505 schede sono state contestate e quindi non conteggiate. Ma anche se fossero state incluse nel calcolo il risultato non sarebbe cambiato.

“È facile prevedere che il sindacato dirà che Amazon ha vinto queste elezioni perché abbiamo intimidito i dipendenti – prosegue , ma non è vero. I nostri dipendenti hanno sentito molti più messaggi anti-Amazon dal sindacato, dai politici e dai media di quanti ne abbiano sentito da noi. E Amazon non ha vinto: i nostri dipendenti hanno scelto di votare contro l’adesione a un sindacato”.

Il sindacato in questione ha annunciato, intanto, ricorso accusando Amazon di aver violato i diritti dei lavoratori durante le votazioni, cercando di influenzarle illegalmente. Cartelli con in viti a votare “no” sarebbero stati affissi anche in bagno. Tuttavia, è giusto ricordarlo, i dipendenti di Amazon guadagnano circa il doppio rispetto al salario minimo di 7 euro all’ora. Una circostanza che avrà pesato sicuramente sulla votazione.

“I nostri dipendenti – prosegue Amazon – sono il cuore e l’anima di Amazon e abbiamo sempre lavorato duramente per ascoltarli, prendere i loro feedback, apportare miglioramenti continui e investire pesantemente per offrire grandi retribuzioni e vantaggi in un luogo di lavoro sicuro e inclusivo. Non siamo perfetti, ma siamo orgogliosi del nostro team e di ciò che offriamo e continueremo a lavorare per migliorare ogni giorno”.

“Ci auguriamo che, con queste elezioni ormai terminate, ci sia l’opportunità di passare dal discorso all’azione in tutto il paese”, prosegue Amazon. “Sebbene il nostro team sia composto da più di un milione di persone in tutto il mondo e abbiamo creato 500.000 nuovi posti di lavoro dall’inizio di Covid, siamo ancora una piccola parte della forza lavoro. Ci sono 40 milioni di americani che guadagnano meno del salario iniziale in Amazon e molti altri che non ricevono assistenza sanitaria tramite i loro datori di lavoro, e pensiamo che dovrebbe essere risolto. Accogliamo con favore l’opportunità di sederci e condividere idee con qualsiasi politico che desideri approvare leggi che assicurino che a tutti i lavoratori negli Stati Uniti siano garantiti almeno 15 dollari l’ora, assistenza sanitaria sin dal primo giorno e altri importanti benefici. I nostri dipendenti hanno tratto enormi vantaggi da ciò che offriamo e pensiamo che ogni famiglia americana meriti lo stesso”, aggiunge la piattaforma di e-commerce.

L’articolo Amazon, dipendenti bocciano sindacato e Bezos attacca: “Ora 15 dollari l’ora a tutti i lavoratori” proviene da Il Riformista.