• Mar. Giu 15th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Maryland, la Georgetown University lancia corsi universitari per i detenuti

Secondo il Vera Institute of Justice, un’organizzazione americana di ricerca e politica sulla giustizia penale, sono innumerevoli le ricerche che affermano che le carceri diventano più sicure quando i detenuti hanno accesso all’istruzione. Coloro che partecipano ai programmi di educazione carceraria hanno maggiori possibilità di assicurarsi un lavoro al momento del rilascio e hanno il 43% in meno di probabilità di recidivare. La Georgetown University lancerà un corso di laurea in Liberal Arts questo autunno per i detenuti del sistema carcerario statale del Maryland. Il corso di laurea nasce da un precedente progetto del Prison Scholars Program della stessa università americana che si impegna della rintegrazione in società dei carcerati dal 2018. Infatti grazie ai suoi programmi universitari, con o senza crediti, ha già offerto corsi a più di 150 studenti detenuti.

Fa parte di una visione che perseguiamo da tempo – ha dichiarato Marc Howard, professore di Georgetown e direttore della Prisons and Justice Initiative – Ho scoperto studenti così straordinari con intelligenza, dedizione, impegno e un puro amore per l’apprendimento che mi ha sempre ispirato“.

Il corso di laurea in Liberal Arts permetterà agli studenti in prigione di concludere gli studi entro i cinque anni e, una volta scontata la pena, potranno adattare il loro percorso formativo in lavori riguardanti discipline umanistiche culturali, scienze sociali interdisciplinari. Secondo il professore Howard, alcuni dei suoi studenti hanno anche le capacità di concludere il percorso di studio prima del termine di scadenza dei cinque anni. L’istruzione è anche un mezzo funzionante per eliminare alcuni stereotipi che le persone precedentemente detenute devono affrontare al momento del rilascio, soprattutto nella ricerca del lavoro.

Inizialmente il corso sarà aperto per un totale di 25 carcerati, uomini o donne,  provenienti da qualsiasi carcere dello stato che verranno poi trasferiti nel Patuxent Institution una struttura correttiva di massima sicurezza a Jessup, nel Maryland. Per quanto riguarda il costo delle tasse scolastiche l’università Georgetown ha messo a disposizione l’aiuto finanziario federale reso possibile grazie a una iniziativa del vecchio governo Obama e mandata avanti anche durante il governo Trump che consente agli studenti a basso reddito di richiedere le sovvenzioni federali Pell  per perseguire un’istruzione. Oltre alla sovvenzione federale anche la fondazione Andrew W. Mellon e un ex studente della Georgetown Damien Dwin hanno donato un milione di dollari al Patuxent Institution per sostenere il programma. La Andrew W. Mellon Foundation si impegna a costruire comunità giuste dove le idee e l’immaginazione possono aumentare giorno dopo giorno grazie alla capacità delle persone di sviluppare pensieri critici.

Tyrone Walker, un ex carcerato, associato presso l’organizzazione senza scopo di lucro per la giustizia penale del Justice Policy Institute, ha raccontato al Washington Post come l’educazione carceraria gli ha dato una seconda possibilità. Walker all’età di 17 anni è stato in carcere per più di 24 anni con l’accusa di omicidio e dopo una vita in carcere attribuisce il suo cambiamento e soprattutto la sua libertà all’istruzione. “Stavo frequentando tutti i corsi disponibili – ha detto Walker, oggi 46enne – I corsi coprivano la gamma, dalla ricerca giuridica alla storia africana fino ad Adobe ed Excel”. Walker, durante il suo lungo periodo in detenzione ha anche conseguito il General Educational Development (GED) che è un test che sostituisce il diploma liceale americano.

Inizialmente Walker aveva ricevuto una condanna di 127 anni il che implicava la morte in prigione ma dopo l’approvazione del Consiglio americano sulla legge che permette una riduzione della pena nel 2016, due anni dopo gli è stato concesso il rilascio anticipato in quanto dopo una ricerca si è dimostrato che i giovani hanno una scarsa capacità del controllo degli impulsi e delle capacità decisionali. “Sappiamo che il loro cervello non è completamente sviluppato, ha detto Walker  – E sappiamo che questi reati non possono farsi senza nessun tipo di responsabilità, ma devono essere adeguate all’età“.

L’articolo Maryland, la Georgetown University lancia corsi universitari per i detenuti proviene da Il Riformista.