• Lun. Giu 21st, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Federica Sciarelli stanca di “Chi l’ha visto?”: “Penso di lasciare, l’Italia è un grande cimitero”

Federica Sciarelli esce da una settimana in cui si è presa di nuovo il centro della scena con Chi l’ha visto?. La sua trasmissione in onda su Rai3 da quasi 32 anni, ha ripreso il caso di Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004, per via di una ragazza russa che in televisione ha fatto un appello per ritrovare la madre. Domani l’esito del test sanguigno, intanto mercoledì 31 marzo Chi l’ha visto? ha fatto il 15,16% di share, oltre 3 milioni e 500mila telespettatori.

Eppure Sciarelli comincia a essere stanca della trasmissione. Un prodotto dai temi sempre forti e quasi sempre dolorosi e tragici. Lo ha raccontato lei stessa in un’intervista al quotidiano Libero. “Sarei tentata di lasciare il programma. Ormai ai miei occhi l’Italia è diventata un grande cimitero: dovunque vada, associo le città ai nostri casi. L’anno scorso sono stata lì lì per mollare tutto ma poi mi è stato chiesto di restare. Così ho fatto e probabilmente così farò a settembre. Inoltre amo questo programma”.

Sciarelli conduce dal 2004 Chi l’ha visto?. Anni che evidentemente cominciano a pesare. “A volte purtroppo non sono sparizioni ma morti. Penso ai padri di famiglia che, dopo aver perso il lavoro, si sono suicidati oppure al grande problema dei ragazzi irretiti dalle psico-sette online. Le segnalazioni sono tutt’altro che diminuite: in generale si respira un desiderio diffuso di scomparire. Anziché risolvere i problemi, si fugge”.

Sempre più persone spariscono, un tendenza che non è cambiata con il lockdown e l’emergenza covid, ha aggiunto. La conduttrice e giornalista si spiega così il successo della sua trasmissione: “Raccontiamo casi dolorosi, ma l’accento non viene mai posto sulla rabbia bensì sulla solidarietà: il nostro programma è scritto insieme agli spettatori”.

L’articolo Federica Sciarelli stanca di “Chi l’ha visto?”: “Penso di lasciare, l’Italia è un grande cimitero” proviene da Il Riformista.