• Lun. Giu 21st, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Quali sono le migliori colombe pasquali? Le 7 selezionate dal Riformista

Ai primi del Novecento, Dino Villani, celebre pubblicitario, artefice tra l’altro del primo concorso di Miss Italia, fa della colomba il pezzo forte della azienda dolciaria Motta. Come direttore della pubblicità per Motta dal 1934 al 1939, Villani dapprima crea il logo a forma di “M” che immortala una volta per sempre il nome dell’azienda e lo associa alla città dove questa è nata, Milano. Poi, sull’onda del successo del panettone, rende popolare la colomba, un dolce che utilizza lo stesso impasto del panettone e che permette agli stabilimenti di restare attivi anche nei mesi successivi al Natale, rendendo più produttivo un business stagionale e prolungando l’attività gli operai specializzati. Nel corso degli ultimi anni la colomba segue a ruota gli sviluppi creativi panettone. A partire dall’uso spregiudicato degli ingredienti, le pasticcerie artigianali di tutta Italia e le aziende dolciarie propongono ormai sempre più numerose versioni originali e creative accanto a quelle tradizionali.

Tra gli assaggi più interessanti di quest’anno abbiamo selezionato questi.

Pasquale Marigliano – Nola (Napoli) – Pasquale Marigliano scopre piccolissimo la sua vocazione per la Pâtisserie e non ha più smesso di inseguire il suo sogno. Dopo le esperienze giovanili nelle pasticcerie della sua zona, si sposta a Parigi, vera e propria Mecca del gusto. Qui impara uno stile serio e puntiglioso, ispirato al“maître pâtissier” Pierre Hermé. Continua la sua formazione nell più rinomate pasticcerie francesi dove segue stage di perfezionamento sulla lavorazione della viennoiserie, del pastigliaggio e dello zucchero soffiato, tirato e colato. Quando torna in Italia, a San Gennarello di Ottaviano, è ormai ricco di esperienze e di nuove tecniche che finalmente mette a frutto. Oggi i lievitati di Marigliano nascono dal lievito madre ottenuto dalla fermentazione naturale di farina e acqua. La scelta di materie prime di eccellenza, abbinata a una lievitazione lunga 36 ore, donano ai suoi prodotti non solo sofficità, sapore e profumo ma anche un’alta digeribilità. Abbiamo assaggiato sia la versione tradizionale con mandorle e scorzette d’arancia sia quella al cioccolato e caffè, particolarmente golosa: acquolina in bocca!

Mammamassaia – Montesilvano (Pescara) – Mammamassaia di Andrea Roma, piccola azienda artigianale a conduzione familiare nata nel 1992, offre una serie di specialità che conservano l’unicità e la genuinità delle vecchie ricette domestiche, tramandate nei tempi. Produce tra l’altro, biscotteria secca, pasticceria fresca e dolci caratteristici della Regione Abruzzo, come il Panaccio. Ma al vertice delle sue competenze c’è la lavorazione delle paste lievitate – il panettone e la colomba – a partire dal lievito madre. Il metodo di lavorazione è totalmente artigianale e prevede una lievitazione naturale di circa 40 ore, che consente di non utilizzare alcun conservante artificiale. Nella colomba classica arancia che abbiamo assaggiato il lievito naturale si nutre di grassi nobili (solo burro e burro di cacao) e degli zuccheri (miele e saccarosio) permettendo al prodotto di mantenersi inalterato nel gusto e resta fresco e fragrante per lungo tempo. Ottime le materie prime utilizzate.

Panificio Moderno – Isera (Trento) – Secondo posto nella categoria “pani tradizionali e storici di frumento duro” del Premio Roma. Tre pani dalla guida “Pane e Panettieri” del Gambero Rosso. Forte di numerosi riconoscimenti alla panificazione, il Panificio Moderno di Isera (Trento) non si limita più a fare dell’ottimo pane ma conquista un posto anche nella realizzazione dei dolci delle feste. Da non perdere la colomba tradizionale con arance candite, nata dalla pasta madre lavorata ogni giorno per fare il pane. Un impasto morbido che lievita per poco più di quaranta ore per un risultato fragrante e aromatico. Le arance sono coltivate con criteri ecologici e socialmente sostenibili dall’associazione Sos Rosarno, una realtà calabrese che si batte per la solidarietà e la lotta al capolarato. Il panificio poi ci mette del suo per realizzare un ‘candito vero’: dieci giorni per trasformare la buccia delle arance in dolci cubetti che si sciolgono in bocca.

Rinaldini – Rimini, Milano, Roma – Roberto Rinaldini è stato a lungo considerato un enfant prodige della pasticceria italiana. Una fulminea carriera costruita su una formazione disciplinata e rigorosa e una creatività innata. Pasticcere, campione del mondo di gelateria nel 2006 e nel 2008, maestro nella prestigiosa Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, Rinaldini si è spesso dedicato alla televisione con esperienze in Giappone e in Italia. Alfiere della pasticceria artigianale italiana, ha creato uno stile originale, moderno ed elegante, con frequenti ‘incursioni’ nel mondo della moda. Un mondo al quale ha ‘rubato’ la cura del dettaglio e la ricerca della perfezione stilistica. Nel 2019 vince il premio Gambero Rosso come “miglior pasticceria dell’anno”. Nel frattempo i suoi store sono aperti a Rimini, Milano e Roma sulla Terrazza Termini della stazione omonima. È ideatore, organizzatore e consulente per il Sigep di Rimini. Un profilo così eclettico e creativo non disdegna il confronto con i lievitati della tradizione: davvero ottima la sua colomba tradizionale a lievitazione naturale al profumo di vaniglia con scorze di arance di Sicilia candite e mandorle. Curiosa la versione al profumo di vaniglia e agrumi di Sicilia con albicocche semicandite e fichi.

Alfonso Pepe – Sant’Egidio del Monte Albino (Salerno) – Alfonso Pepe si affaccia negli anni ’80 nel mondo della pasticceria. Si perfeziona in scuole prestigiose quali l’Etoile e Cast Alimenti, con l’obiettivo di avviare un’attività in proprio e dare ai prodotti il nome di famiglia. Nel 1995 si specializza nella lavorazione dei lievitati presso l’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani fino a diventare uno dei primi in Italia nella preparazione del panettone. Stesso successo con il tipico dolce pasquale, la colomba. Nella variante classica, il soffice impasto, che preserva la ricetta originale, è ricoperto da uno strato di glassa a base di zucchero e mandorle sotto una pioggia di zucchero in granella e mandorle. Una colomba, nella scia della tradizione, che ha portato Alfonso Pepe a scalare le classifiche del Gambero Rosso fino a conquistare il primo posto. Accanto alla versione classica, Pepe offre un numero incredibile di varianti: senza canditi, alle albicocche dek Vesuvio, agli agrumi, ai fichi bianchi, al limoncello, al cioccolato fondente o al cioccolato al latte, al caffè. L’ultima golosa novità che abbiamo assaggiato è la colomba alla Melannurca Igp con palline di cioccolato caramello.

Ferretti – Mosciano SantAngelo (Teramo) – La produzione artigianal-industriale di Sandro Ferretti si basa sulla passione per l’arte pasticcera, sulla curiosità che sviluppa sempre nuove ricette e sull’attenzione maniacale per i particolari: ingredienti, lavorazioni, confezioni. Nel 1998 diviene direttore di produzione di una delle più importanti aziende italiane nel settore dolciario e viene inserito per la prima volta nella guida del Gambero Rosso. Nel 2010 fonda la Sweets Factory, specializzata nella pasticceria surgelata per industrializzare il processo di produzione artigianale, senza alcuna differenza di qualità. A breve inaugurerà “Ottava Arte”, la sua accademia di alta pasticceria e cucina. Ottima la sua colomba classica, dolce a lievitazione naturale, differente dal panettone per l’assenza di uva sultanina, al posto della quale viene inserita solo scorza d’arancia candite. Inoltre, la pasta mandorlata di copertura la rende croccante. Da segnalare, come variante creativa, la colomba gianduia e frutti di bosco, prodotto lievitato con un processo a cinque impasti arricchito da frutti di bosco canditi, ganache al cioccolato e farina di nocciole. Glassa al cioccolato fondente e frutti di bosco.

Vergani – Milano – La storia del marchio Vergani è strettamente legata alla storia del panettone di Milano e alla storia di una famiglia che nasce come bottega artigiana nel 1944 e progressivamente si afferma nella produzione aziendale. Da quattro generazioni sinonimo di eccellenza, è l’unica famiglia milanese che produce a Milano il Panettone su scala industriale. A settant’anni dalla fondazione, oggi dal laboratorio (a poche centinaia di metri da dove sorse la prima pasticceria) escono 600 mila panettoni l’anno, nel rispetto dell’antica tradizione. Per la Pasqua 2021, Vergani propone nuove varianti del tradizionale dolce pasquale. La colomba classica “gourmet edition” è fatta di ingredienti selezionati e lavorazione artigianale: farina di germe di grano duro macinata a pietra, scorze d’arancia di Sicilia candite a fresco con zucchero di canna e mandorle pugliesi dalla forma arrotondata e dal sapore intenso, per rendere la glassatura ancora più fragrante. L’impasto, caratterizzato da un’alveolatura più tonda e regolare, viene fatto lievitare 72 ore per garantire il massimo della sofficità. Da segnalare anche la golosa variante alle mele: qui il classico impasto tradizionale (con farina, lievito madre naturale, burro e tuorlo d’uovo fresco) si sposa alla perfezione con il gusto naturalmente dolce e delicato delle mele.

L’articolo Quali sono le migliori colombe pasquali? Le 7 selezionate dal Riformista proviene da Il Riformista.