• Mar. Giu 15th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Macerata Città europea dello sport 2022: soddisfazione di Acquaroli e Latini

ANCONA – “Ci complimentiamo con Macerata e il sindaco Sandro Parcaroli per l’importante riconoscimento ottenuto che rappresenta una bellissima opportunità per la città e tutto il territorio. Abbiamo sostenuto la candidatura di Macerata a Città europea dello Sport perché crediamo nelle iniziative che incentivano lo sviluppo territoriale e proiettano le nostre comunità sul panorama nazionale ed europeo”. È quanto ha affermato il presidente della Regione Francesco Acquaroli che, insieme all’assessore Giorgi Latini, ha espresso soddisfazione per il prestigioso traguardo raggiunto. “Un riconoscimento meritato, che premia l’impegno, continuo e costatene, di una città intera a favore della crescita del movimento sportivo, all’insegna dei valori etici dello sport”, ha dichiarato l’assessore regionale allo Sport, felicitandosi per la nomina di Macerata.

L’assessore ha anche contattato il sottosegretario allo Sport Valentina Vezzali “con la quale ho avuto un colloquio molto cordiale. L’ho ringraziata per la disponibilità, la vicinanza e l’attenzione che mostrerà per questa investitura. Ho avuto modo di sottolineare l’importanza del traguardo raggiunto, sia per la città, che per le Marche intere”. Latini ha quindi manifestato “una grande soddisfazione per tutto il movimento sportivo cittadino e per l’amministrazione comunale che tanto ha fatto per promuovere lo sport non solo sotto l’aspetto agonistico, ma come un vero e proprio stile di vita da conseguire. È una grande soddisfazione per tutte le Marche che vedono riconoscersi un ruolo da protagonista in questo settore. Il riconoscimento deve ora rappresentare un incentivo per raggiungere nuovi traguardi e programmare uno sviluppo inclusivo della città, dove lo sport rappresenti un’importante motore di crescita sociale ed economico”.

L’articolo Macerata Città europea dello sport 2022: soddisfazione di Acquaroli e Latini proviene da Dire.it.