• Gio. Giu 17th, 2021

Red Viper News

L'aggregatore di notizie di Red VIper

Bimba di 5 anni picchiata, abusata e costretta a fare le pulizie: condannata l’intera famiglia

Si è chiusa con tre condanne e un’assoluzione la vicenda di abusi in famiglia che ha travolto una famiglia di Tramonti, in Costiera Amalfitana. Quattordici anni di carcere per il padre, 10 per la madre, 7 per il fratellastro. Estranea invece la moglie di quest’ultimo, anche lei inizialmente imputata. Secondo le ricostruzioni la piccola di casa, una bambina di 10 anni che all’epoca dei fatti ne aveva 5, veniva picchiata, punita e obbligata alle pulizie di casa e ad accudire la sorellina più piccola. Su di lei anche violenze fisiche, sessuali e psicologiche.

La Procura aveva chiesto complessivamente 45 anni di carcere: 18 anni per il padre, 10 per la madre, 8 per il fratellastro e 9 mesi per la compagna. Il Tribunale di Salerno ha riqualificato l’accusa da “violenza sessuale di gruppo” a quella meno grave di “atti sessuali”.

A far emergere la storia, nel 2017, fu una denuncia fatta da una vicina di casa. La piccola si era confidata con lei, raccontandole a cosa veniva sottoposta quando era con i suoi familiari. Nel corso delle indagini, grazie al lavoro degli assistenti sociali e dei magistrati, gli investigatori hanno scoperto “un contesto di forte degrado ambientale e sociale”. La bambina non veniva nutrita adeguatamente, ed era costretta a fare i lavori domestici.

Ascoltata durante un incidente probatorio durato tre ore, la bambina aveva raccontato quello che accadeva tra le mura di casa. L’esperto nominato dal gip aveva permesso di filtrare le domande delle parti fatte alla ragazzina, ma la difesa aveva sottolineato alcune contraddizioni nel suo racconto, insinuando che fosse stata in parte suggestionata. Per i quatto erano scattate già a gennaio del 2019 le misure cautelari.

L’articolo Bimba di 5 anni picchiata, abusata e costretta a fare le pulizie: condannata l’intera famiglia proviene da Il Riformista.